Le cittá sono la ricchezza delle nazioni

Un nuovo modo di vedere l’economia

Archivio per la categoria ‘tecnologia’

Come comprare un cellulare

Pubblicato da janejacobs su gennaio 7, 2010

Basta cliccare qui. Niente piu’ negozi, pubblicita’ in TV, rivenditori, piani tariffari complicati, offerte promozionali. Funzionera’?

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Boston sara’ la nuova Silicon Valley

Pubblicato da janejacobs su settembre 25, 2009

La nuova Silicon Valley sara’ a Boston. Il MIT di Boston ha sfornato per anni scienziati esperti in nanotecnologia.

Questi scienziati si stanno adoperando a mettere a frutto nuove scoperte e nuove ricerche.

Molte di queste ricerche potrebbero garantire in futuro un mondo meno inquinanto e piu’ sicuro.

Fra queste societa’ ci sono:

A123 che produce batterie agli ioni di litio

American Superconductor che produce super cavi per il trasporto dell’energia

1366 Technologies che produce celle al silicio a basso costo

Pubblicato in: Economia, tecnologia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’utilita’ dell’acceleratore di particelle del CERN

Pubblicato da janejacobs su agosto 28, 2009

Il funzionamento dell’accleratore di particelle del CERN   e’ stato il piu’ grande esperimento scientifico del 2008. Purtroppo esso si e’ arrestato lo scorso autunno e quando verra’ riattivato a Novembre, utilizzera’ solo meta’ della sua potenza. L’acceleratore di particelle e’  la cosa piu’ veloce mai stata creata dall’Uomo ed e’ la piu’ complessa e splendida macchina mai prodotta. Questo strumento accelerera’ i nuclei di idrogeno a velocita’ vicine a quella della luce in un anello in cui si creera’ il vuoto assoluto, ma fino a quando gli ingegneri ed i tecnici del CERN non avranno funzionato i guasti, il meglio che si possa sperare e’ questo strumento solo a meta’ potenza.

 Le particelle accelereranno in due direzioni attoro al tunnel di ventisette chilometri a velocita’ di 3.5 Tev (tera electron volt) e raggiungeranno collisioni di 7 Tev anziche’di 14 TeV come si era sperato lo scorso anno. Anche a meta’ potenza, il CERN raggiungerebbe comunque la velocita’ maggiore del mondo e produrrebbe nuove scoperte scientifiche. Ma le aspettative sono state tradite. L’acceleratore di particelle avrebbe dovuto creare piccoli buchi neri, esplorare la materia oscura e dimostrare l’esistenza dei Bosoni di Higgs.

Dobbiamo quindi considerare l’acceleratore di particelle uno spreco di denaro ed un totale fallimento? La risposta e’ no. L’impresa, costata sei miliardi di dollari, e’ gia’ un successo. Negli ultimi dieci anni settemila scienziati provenienti da ottanta nazioni hanno lavorato per realizzare questo prodigioso strumento.

La finalita’ dell’acceleratore di particelle e’ teorica e pratica allo stesso tempo.

Da un lato ci permettera’ di capire come era l’universo nel suo primo trillionesimo di secondo di vita quando era grande come una pallinina da tennis, e quando e’ nato il tempo.

Dall’altro, l’acceleratore di particelle ha gia’ creato alcune utili scoperte pratiche “collaterali”. Una di esse e’ il World Wide Web, inventato da un gruppo di scienziati del CERN per condividere l’enorme montagna di dati che il predecessore dell’attuale acceleratore di particelle aveva generato.

Negli ultimi dieci anni questo mega progetto ha creato nuove competenze e nuove professionalita’ che sono traboccate in migliaia di societa’ tecnologiche creando decine di migliaia di posti di lavoro, il tutto ad una frazione del costo dei 33 miliardi  di dollari speso per salvare il sistema finanziario mondiale e che l’aristocrazia di  banchieri di Wall Street hanno usato in gran parte per pagarsi bonus milionari.

Nei prossimi anni, coloro che si riveleranno incapaci di ridurre le emissioni di gas serra e che vedranno distruggere citta’ costiere da inondazioni e da uragani di enorme portata,  potrebbero iniziare a sperare in soluzioni di geoingegneria . Queste soluzioni potrebbero comprendere piani per la riduzione dell’anidride carbonica nell’atmosfera o per la manipolazione delle nuvole, degli oceani o della luce del sole. In breve, nuove scoperte derivanti dall’acceleratore di particelle potrebbero permettere all’Uomo di controllare il clima anziche’ subirlo.

Molti fisici ritengono che gli sviluppi recenti del CERN genereranno apparecchiature mediche piu’ potenti per la rivelazione di cellule cancerogene o di altri indicatori di malattie. Grazie alle scoperte generate dall’acceleratore, i fisici stanno lavorando per creare contatori di fotoni centinaia di volte piu’ potenti di quelli attualmente in uso.

Ma il piu’ grande beneficio dell’accelratore di particelle del CERN e’ che esiste. Con i sostegni economici opportuni, scienziati ed ingegneri di tutto il mondo possono cooperare per un traguardo non egoista, ma per il bene della conoscenza e dell’umanita’.

Augurando in bocca al lupo a tutti gli scienziati e tecnici del CERN, ci ripromettiemo di seguire le vicende dell’acceleratore di particelle e di fornire aggiornamenti su questo blog.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , , , , , | 2 Comments »

Vodafone 360: il nuovo social network di Vodafone

Pubblicato da janejacobs su agosto 19, 2009

Se le indiscrezioni pubblicate su tech crunch verranno confermate, fra breve Vodafone dovrebbe essere in grado di integrare trecento milioni di persone in un mega social network che comprende facebook, twitter e gtalk e che integra 247 reti telefoniche in tutto il mondo.

 Qualcosa di enorme e mai visto che ne’ google, ne’ Apple, ne’ Nokia riuscirebbero a replicare.

 Il lancio e’ atteso per questo autunno.

 Qui sotto la lista dei clienti di Vodafone per Paese

Paese Milioni di clienti
India 46.1
USA 38.9
Germania 35.5
Italya 22.9
UK 18.7
Sud Africa 17.7
Spagna 16.9
Turchia 15.5
Cina 15.3
Egitto 10.4
Romania 9.6
Francia 8.6
Grecia 5.9
Portogall 5.6
Kenya 5.3
Olanda 4.6
Australia 4.0
Polonia 3.6
Repubblica Ceca 2.9
Ungheria 2.6
Nuova Zelanda 2.5
Irlanda 2.2
Albania 1.4
Ghana 1.3
Fiji 0.3
Malta 0.2

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ripresa

Pubblicato da janejacobs su agosto 14, 2009

Il 17 Settembre 2008 questo blog aveva previsto  (seguendo le indicazioni del Professor Roubini) che l’economia sarebbe crollata in una profonda crisi finanziaria ed economica che sarebbe finita nel 2010.

 Al 2010 ci siamo quasi arrivati e gia’ ora ci sono parecchi segnali che questa crisi finanziaria ed economica sta per finire, anche se ci sono sempre piu’ persone disoccupate, povere e senza lavoro. Queste persone sono spesso le persone piu’ deboli, anziane e con meno educazione.

 Ma la ripresa sta arrivando e ci sono alcuni modi per cavalcarla, soprattutto se si puntera’ su uno o piu’ dei fattori indicati qui sotto. Ad ognuno di questi fattori e’ collegato un link a post precedenti di questo blog che hanno trattato l’argomento.

 Paesi emergenti

 Aumento del numero dei lavoratori per eta’ e sesso 

 Nuove tecnologie

 Nuovi materiali

 Nuove energie

 Nuove medicine

 Genetica

 Robotica

 Nanotecnologie

Pubblicato in: ambiente, Economia, tecnologia | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Immigrati o robot?

Pubblicato da janejacobs su agosto 10, 2009

 Come e’ possibile aiutare una popolazione che invecchia sempre di piu’ e che non fa piu’ figli?

Come aiutare una popolazione di anziani che hanno bisogno di forze fresche per svolgere lavori faticosi?

Come aiutare una popolazione di anziani a svolgere mansioni quotidiane quando i propri corpi invecchiano e si indeboliscono?

La strada piu’ semplice sarebbe aprire la porta a giovani immigrati.

La strada piu’ complessa e’ creare robot che svolgano i ruoli che giovani immigrati potrebbero svolgere.

In Giappone sembrano decisi ad optare per la seconda strada, come si vede nel filmato qui sotto.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Satelliti su di noi

Pubblicato da janejacobs su agosto 4, 2009

A questo link e’ possibile vedere la mappa dei satellite di una societa’ lussemburghese che orbitano intorno alla terra e ci consentono, fra le altre cose, di guardare la TV, collegarsi a Internet, parlare al telefono, essere protetti dai militari (o spiati), votare, ricevere soccorsi in caso di calamità.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Auto che vendono energia

Pubblicato da janejacobs su agosto 4, 2009

Le auto oggi vanno a petrolio. In un futuro non troppo lontano le auto potrebbero funzionare a celle a idrogeno e trasformarsi in piccole centrali energetiche quando vengono parcheggiate. Esse potrebbero raggiungere una capacita’ di generazione di circa venti chilowatt.

Poiche’ in media un’auto, un camion o un bus sono parcheggiati piu’ tempo di quanto non siano in moto, durante il periodo in cui sono parcheggiati, essi potrebbero rilasciare parte dell’ energia accumulata nelle loro battrie a idrogeno alla rete elettrica, se il prezzo e’ conveniente.

Questo sarebbe possible grazie ad una rete intelligente e ad un software intelligente. Certo un futuro cosi’ ha bisogno di forti investimenti. Ma chi li puo’ fare? Qui sotto suggerisco alcuni link che potrebbero aiutare a trovare una risposta.

Sulla rete elettrica intelligente

Mobile Smart Grid
http://www.autobloggreen.com/tag/Mobile+Smart+Grid/
Smart Grid
European Technology Platform Smart Grids
http://www.autobloggreen.com/tag/Mobile+Smart+Grid/
Smart Grid
US Department of Energy
http://www.oe.energy.gov/smartgrid.htm
 

Sulle auto elettriche

Electric cars
http://electriccars.com/main.cfm
How electric cars work
http://auto.howstuffworks.com/electric-car.htm
Electric cars
http://www.evworld.com/index.cfm
Electric Cars
http://www.hybridcars.com/electric-car
Electric Cars
Going green UK
http://www.goingreen.co.uk/store
Electric Cars
Video electric car vs Ferrari
http://www.youtube.com/watch?v=BqqtJpfZElQ
Electric Transport
Electric Drive Transportation Association
http://www.electricdrive.org/

Sulla mobilita’ sostenibile
Sustainable Mobility, Policy Measures and Assessment
http://www.summa-eu.org/
Sustainable Transport
Centre for sustainable transportation
http://cst.uwinnipeg.ca/
Sustainable Transport
Environmentally Sustainable Transport
http://www.oecd.org/department/0,3355,en_2649_34363_1_1_1_1_1,00.htm
Sustainable Transport
Embarq The WRI center for sustainable transport
http://www.embarq.wri.org/en/index.aspx

Pubblicato in: energia, tecnologia | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

Combattere il deserto

Pubblicato da janejacobs su luglio 28, 2009

Abbiamo letto varie volte del problema del cambiamento climatico e della desertificazione dovuta allo sfruttamento eccessivo dell’acqua. L’architetto Magnus Larsson ha inventato un modo per combattre la desertificazione, creando delle oasi da strutture metalliche come mostrano le foto qui sotto.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Paolo Attivissimo

Pubblicato da janejacobs su luglio 22, 2009

Oggi ho scoperto lo splendido Blog di Paolo Attivissimo. I suoi brevi racconti sul meteorite che ha da poco colpito Giove e sulle parole dell’equipaggio dell’Apollo 11 mi hanno ispirato ed emozionato. In segno di ringraziamento, lo linko.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’iPhone non sa cosa sia la crisi

Pubblicato da janejacobs su luglio 21, 2009

Lo dimostrano gli ultimi risultati di Apple. Negli ultimi tre mesi le vendite di iPhone sono sestuplicate e sono state scaricate un miliardo e mezzo di applicazioni per l’iPhone. Alla faccia della crisi!

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banda larga in Europa

Pubblicato da janejacobs su luglio 21, 2009

  Tasso di Totale linee Totale linee in full
Stato penetrazione della DSL unbundling
  banda larga per abitante installate (banda larga+telefonia)
Danimarca 37,5% 2 035 114 205 270
Olanda 36,3% 5 935 000 459 000
Svezia 31,0% 2 806 000 187 000
Finlandia 30,8% 1 616 354 351 981
Lussemburgo 28,2% 129 698 8 810
Regno Unito 28,1% 16 941 500 1 448 407
Germania 27,5% 22 691 250 7 900 000
Belgio 27,3% 2 868 092 47 137
Francia 27,0% 17 008 000 4 574 000
Estonia 24,2% 325 002 6 700
Malta 24,1% 97 556 -
Totale/ Media 22,4% 110 457 957 19 974 907
Austria 21,1% 1 746 039 274 815
Irlanda 20,3% 856 375 16 805
Spagna 20,1% 8 807 039 653 610
Slovenia 19,8% 396 954 44 888
Italia 19,0% 11 160 248 2 685 816
Cipro 16,8% 128 429 16 858
Lituania 16,7% 567 663 473
Portogallo 16,3% 1 719 464 309 607
Repubblica Ceca 16,3% 1 770 184 40 348
Lettonia 16,1% 370 360 471
Ungheria 15,8% 1 591 788 10 377
Grecia 12,7% 1 411 561 490 774
Slovacchia 10,6% 569 256 0
Bulgaria 10,4% 795 500 -
Romania 10,2% 2 265 154 1 661
Polonia 10,1% 3 848 377 240 099

Fonte: Arcep

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: | Leave a Comment »

Internet non paga

Pubblicato da janejacobs su luglio 20, 2009

Secondo Jams Altucher investire in Internet non paga.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I ragazzini e i Media

Pubblicato da janejacobs su luglio 13, 2009

Un brillante ragazzino ha descritto recentemente l’uso dei Media che viene fatto oggi da lui e dai suoi coetanei. Qui sotto un breve riassunto della sua analisi.

Radio. I ragazzini non ascoltano quasi mai la radio, ma si sintonizzano su servizi come last.fm  che propongono musica senza interruzioni pubblicitarie.

TV. I ragazzini hanno poco tempo per guardare la TV. Alcuni seguono particolari serial TV o qualche partita di calcio. Molti guardano programmi in differita sui web Internet delle TV.

Giornali. I ragazzini non leggono i giornali. Gli unici giornali che leggono sono i tabloid o i giornali distribuiti gratuitamente sui metro.

Internet. Tutti i ragazzini hanno accesso a Internet d a casa o almeno da scuola. Essi usano Google per cercare informazioni, youtube, per cercare video e altri siti come ebay per fare acquisti. I ragazzini sono attivissimi su siti sociali come Facebook al quale accedono almeno quattro volte alla settimana. Tuttavia, i ragazzini non usano twitter perche’ nessuno puo’ vedere il proprio profilo.

Musica. I ragazzini ascoltano la musica generalmente mentre fanno qualcos’altro. Essi sono molto riluttanti a pagare per la musica. La maggior parte di loro non ha mai comprato un CD e circa l’80% di loro ha scaricato files in modo illlegale. iTunes non e’ molto usato fra i ragazzini per scaricare canzoni.

Cinema. I ragazzini amano ancora andare al cinema anche se spesso vi rinunciano perche’ il costo del biglietto e’ troppo alto e perche’ riescono a trovare DVD piratati

Videogiochi. Maschi e femmine amano usare i videogiochi. Le console piu’ popolari sono Wii, Xbox e PS3. Una delle caratteristiche delle console piu’ apprezzate e’ la capacita’ di connettersi attraverso Internet e di comunicare via testo tra vari utenti. Molti ragazzini usano videogiochi piratati.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

Rete Giapponese in sovraccarico

Pubblicato da janejacobs su luglio 6, 2009

Il Giappone ha iniziato a fornire telefonia mobile 3G nel 2001.

Oggi 91 milioni di Giapponesi sono connessi a Internet attraverso i loro cellulari e navigano su Internet scaricando musica, giochi e filmati di varia lunghezza.

Oggi i Giapponesi usano Internet sui loro cellulari tre volte piu’ degli Americani.

Purtroppo negli ultimi mesi la crescente domanda di giochi, musica e filmati (soprattutto pornografici) sta mettendo a dura prova la capacita’ della rete di telefonia Giapponese gestita per lo piu’ dalla NTT DoCoMo e dala KDDI Corp.

Come risposta i due operatori stanno minacciando di limitare i servizi di download illimitato sul cellulare.

 

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banda larga, confronti Europei

Pubblicato da janejacobs su giugno 25, 2009

La tabella qui sotto compilata dalla Commissione Europea presenta la percentuale di case con Internet a banda larga in alcuni Paesi Europei.


Paese

 

% case a banda larga

Olanda 74%
Danimarca 74%
Svezia 71%
Regno Unito 62%
Francia 57%
Germania 55%
Spagna 45%
Irlanda 43%
Portogallo 39%
Italia 31%
Grecia 22%

Pubblicato in: Economia, tecnologia | Contrassegnato da tag: , | 5 Comments »

Autostrade informatiche

Pubblicato da janejacobs su giugno 16, 2009

Ogni otto anni la capacita’ delle reti di telecomunicazioni attraversa una vera e propria rivoluzione. Negli ultimi otto anni la velocita’ media delle connessioni nei paesi ricchi e’ e’ aumentata di circa 200 volte.

Come nel 1700 si costruirono canali e nel 1800 si costruirono ferrovie per creare sviuppo economico, oggi si devono costruire autostrade informatiche usando fibre ottiche e una nuova generazione di reti cellulari.

In Italia il Sottosegretario alle Telecomunicazioni ha presentato un rapporto realistico anche se piuttosto vago e per molti versi deprimente dove si parla di reti superveloci che copriranno il 65% della popolazione solo nel 2016.

 Per vedere il dato sulla velocita’ media della connessione a banda larga nei maggiori paesi cliccare qui.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , | 4 Comments »

Criminalita’ sul web

Pubblicato da janejacobs su giugno 15, 2009

Anche se spesso non ce ne accorgiamo, quando navighiamo Internet siamo minacciati da pirati informatici che usano i nostri computer per danneggiare noi stessi o per danneggiare altri utenti. Spesso i pirati Informatici sono controllati dalla criminalita’ organizzata internazionale.

Una delle organizzazioni che si occupano di proteggere il web si chiama Spamhaus. Secondo Spamhaus il 90% delle e-mail circolanti sono costituite da spam. Ma vediamo brevemente i termini piu’ comuni del crimine web, una serie di crimini che coinvolge anche la criminalita’ organizzata in diversi paesi:

* Spam: Messaggi di posta elettronica non richiesti. Spesso prendono anche la forma di instant messaging, blogs e messaggi SMS sui telefoni cellulari. Qui la classifica dei dieci peggiori Internet Service Provider per spam.

* Malware: Software progettato per danneggiare un sistema operativo senza il consenso del proprietario. La societa’ Symantec, che si occupa di sicurezza su Internet, ritiene che attualmente ci sono piu’ programmi malware pubblicati ogni giorno che software legittimi. Tipici programmi malware prendono anche il nome di virus o Cavalli di Troia.

* Phishing : Tentativo fraudolento di acquisire informazioni personali come password, dettagli bancari o numeri di carte di credito. Generalmente l’utente riceve un’email che dirige l’utente ad un sito fasullo – che appare come il sito originale di una banca o di un’organizzazione – dove si richiedono dettagli personali.

* Botnets: Una rete di computer che sono stati invasi attraverso messaggi spam e vengono controllati remotamente da criminali. Questi computer vengono a loro volta usati per inviare spam ad altri computer. La maggior parte degli utenti non sa che i propri computer sono stati infettati. Secondo Symantec piu’ di 9 milioni di macchine sono state infettate nel solo 2008.

Pubblicato in: Economia, tecnologia | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

Xbox contro Wii

Pubblicato da janejacobs su giugno 14, 2009

Il video qui sotto mostra come Xbox intende combattere la battaglia per la supremazia del videogiococontro la Wii della Nintendo. L’inventore di questa console e’ un ingegnere Brasiliano.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CERN: guasti e alternative per lo studio della materia oscura

Pubblicato da janejacobs su maggio 17, 2009

Il video qui sotto spiega cosa ha causato i guasti dell’acceleratore di particelle del CERN. L’acceleratore dovrebbe essere riparato entro Settembre 2009.

Nel frattempo, mentre gli ingegneri del CERN stanno riparando l’acceleratore di particelle, un gruppo di scienziati dell’Universita’ di Tor Vergata a Roma sta facendo passi avanti per lo studio dell’antimateria.

Uno dei piu’ grandi misteri dell’universo e’ la sostanza di cui e’ composto. Il mondo, come percepito da coloro che lo abitano, consiste di materia tangibile, ma questa spiegazione non puo’ essere teoricamente completa. La maggior parte delle galassie ruotano ad una velocita’ tale che le farebbe volare via se l’unica cosa che le tiene insieme sono la materia come la conosciamo noi e la forza di gravita’. I fisici pensano che l’Universo sia imbottito di una materia oscura e invisibile composta di particelle molto diverse da quelle che costituiscono la materia visibile, e che la gravita’ di questa materia oscura abbia la funzione fondamentale di tenere assieme le galassie dell’universo. Un gruppo di fisici pensa di avere sperimentato l’evidenza di questa materia oscura ed invisibile.
 
Piergiorgio Picozza dell’Universita’ di Tor Vergata a Roma e i suoi colleghi stanno investigando un secondo grande mistero: perche’ esiste l’universo? Il Big Bang, il Grande Botto da cui e’ iniziato l’Universo, ha creato uguali quantita’ di materia e di antimateria. Quando materia e antimateria si incontrano, si annientano a vicenda. Cosi’ l’universo avrebbe dovuto distruggersi poco dopo il Grande Botto. Il fatto che non si sia distrutto suggerisce che qualcosa deve essere accaduto alla maggior parte dell’antimateria, permettendo alla materia di addensarsi a formare stelle, pianeti, e tutte le cose che vediamo sul nostro pianeta, compresi noi stessi.
 
Picozza e i suoi colleghi hanno deciso di osservare i raggi cosmici, i raggi che costituiti da particelle spaziali che costantemente bombardano l’atmosfera terreste. La maggior parte di essi sono protoni, uno dei principali componenti del nucleo atomico, ma altri sono componenti piu’ esotici. Picozza ed i colleghi vogliono esaminare ogni antimateria presente nei raggi cosmici. Per fare questo, usano un rivelatore di particelle installato su un satellite.
 
Dapprima hanno trovato qualche semplice positrone a bassa carica energetica, l’equivalente in antimateria degli elettroni. Tali positroni sono prodotti da cio’ che i ricercatori chiamano fonti secondarie – soprattutto collisioni fra positroni contenuti nei raggi cosmici e gli atomi che viaggiano nello spazio. Tuttavia Picozza ed i suoi colleghi hanno anche scoperto positroni ad alta carica energetica/ Questi sono molto piu’ interessanti perche’ devono essere stai prodotti fa fonti primarie, come stelle esotiche o forse da disintegrazioni di anti materia. In realta’, il gruppo di Picozza ha scoperto che maggiore e’ l’energia delle particelle, maggiore e’ il rapporto positroni-elettroni.
 
Esattamente cosa possa aver causato questo aumento rimane un mistero. Potrebbe essere un neutrone denso che ruota rapidamente chiamato pulsar. Potrebbe essere un microquasar, un sistema in cui una stella simile al sole ed una
Stella neutronica  orbitano insieme. Potrebbe anche essere spiegato dall’annullamento dell’antimateria.
 
I fisici si sono interrogati spesso sull’antimateria. Una delle piu’ popolari spiegazioni di antimateria e’ che essa consiste di grosse particelle che interagiscono debolmente fra loro, chiamate WIMPs.  Picozza ed i suoi colleghi pensano che i positroni ad alta energia che hanno rilevato nei raggi cosmici possano originare da un WIMP che si e’ annientato dalla collisione con un anti-WIMP. Ora stanno utilizzando un rivelatore di particelle installato sul satellite per esaminare cosa succede a maggiori ceriche energetiche. QUesto processo dovrebbe aiutarli a discriminare far diverse spiegazioni. Se le spiegazioni alternative possono essere scartate, allora Picozza e i suoi avrebbero svelato uno scorcio di materia oscura.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.