Le cittá sono la ricchezza delle nazioni

Un nuovo modo di vedere l’economia

Impiantare industrie in regioni lontane

Posted by janejacobs su aprile 22, 2008

La tipica diagnosi del problema delle regioni che forniscono materie prime , delle regioni spopolate e delle città con economie stagnanti e’ che “non c’e’ abbastanza industria”; e quindi la cura standard e’ quella di “attrarre nuove industrie”. Cosa sono queste industrie da attrarre? E da dove vengono? La maggior parte delle industrie si e’ originariamente sviluppata nelle città e nelle aree metropolitane, ma con il tempo sono state in grado di lasciare la loro “casa” originaria per trasferirsi in regioni distanti prive città in grado di rimpiazzare le importazioni . Queste industrie sono diverse dalle industrie cittadine e non hanno effetti positivi sulla vita economica o sullo sviluppo delle regioni in cui si vanno ad impiantare.

Per capire questo, torniamo al luogo della Georgia che Henry Grady descrisse nel 1889 rivolgendosi ad un pubblico di industriali e banchieri di New York e Boston. Nel suo discorso, alla scena del funerale, Grady faceva seguire un racconto giubilante di cambiamenti e di meraviglie. Grady raccontava che, tornato dopo qualche tempo al cimitero, trovava una grande cava di marmi a pochi chilometri di distanza. Le colline di ferro brulicavano di minatori e risuonavano del brulichio e degli ingranaggi meccanici per la sua estrazione. Probabilmente il ferro era destinato alle acciaierie di Birmingham, Alabama , trapiantato nel 1879 da Pittsburgh. Nella zona si erano impiantati quaranta fabbriche per la filatura del cotone e vi eran numerose tessiture che rifornivano le numerosissime camicerie della regione. Poi vi erano molte fabbriche di scarpe, macchinari, vestiti e utensili che si sarebbero potute trapiantare nella zona. Qui, si potrebbe sospettare, stava trasformando delle possibilità in fatti. Tuttavia, torno’ con maggiore specificità a descrivere le fabbriche di bare a poca distanza dal cimitero.

La descrizione del funerale era la descrizione di una regione prima che arrivassero innesti industriali; a quel tempo, la regione era solo in grado di importare prodotti finiti da città lontane, perché non era in grado di produrli da se’. Le importazioni non venivano da Atlanta, la città più vicina, ma da città lontane del Nord e dell’Ovest del Paese.

Grady pensava che l’impianto di nuove fabbriche nella sua regione potessero diminuire la povertà della sua regione e portare benessere. Grady si appellava ai ricchi industriali del Nord di portare al Sud il potere produttivo delle loro armoniose economie.

Gli impianti industriali di città lontane arrivarono in Georgia, soprattutto in veste di fabbriche tessili provenienti dal New England, camicerie, provenienti da New York; tali impianti industriali erano attratti in Georgia dal basso costo del lavoro. Più’ tardi arrivarono in Georgia fabbriche collegate alla produzione militare, attratte dal potere politico dei senatori della Georgia. Continua…

Una Risposta to “Impiantare industrie in regioni lontane”

  1. Raoul ( iMille ) said

    Ti ho messo un commento sulla tua pagina in Obama

    Raoul

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: