Le cittá sono la ricchezza delle nazioni

Un nuovo modo di vedere l’economia

Fattorie del vento anche in Puglia

Posted by janejacobs su giugno 6, 2008

 Per gli appassionati di energia eolica, mostro qui sotto due filmati prodotti dalla Vestas, societa’ Danese che produce impianti eolici. Il primo filmato (4 minuti) presenta gli impianti eolici a “raggi x” e mostra la base degli impianti eolici, le sezioni delle loro pale, le casse con i trasformatori, i sistemi di bilanciamento e di lubrificazione automatica.

Il secondo filmato (9 minuti) mostra alcuni impianti eolici nel Mare del Nord fuori dalle coste della Danimarca, nel deserto Egiziano, sui pascoli Scozzesi, sulle Alpi Austriache, sulle montagne dell’isola di Creta e al largo delle coste del Galles. Il filmato mostra anche alcune fasi di installazione degli impianti eolici ed il loro funzionamento anche a basse temperature, come nel Quebec, in Canada o nell’isola di Lolland in Danimarca. Buona visione.

Gli impianti eolici al largo delle coste sono particolarmente produttivi in quanto il vento al largo delle coste soffia piu’ forte che sulla terra e le turbine eoliche possono produrre fino al doppio dell’energia elettrica che produrrebbero sulla terra. Certo, costruire impianti al largo costerebbe circa il 50% in piu’ che costruirli sulla terra, perche’ bisogna ancorare le turbine a delle basi di cemento e a profondita’ superiori ai 40 metri, i costi aumentano notevolmente. Tuttavia, oggi si stanno sperimentando nuove tecnologie per costruire turbine eoliche galleggianti.

Con tecnologie simili a quelle sperimentate per alcune piattaforme petrolifere galleggianti, un professore del Massachussets Institute of Technology, finanziato dai petrolieri della ConocoPhillips, sta sviluppando una piattaforma eolica galleggiante. Questa nuova industria dovrebbe decollare fra circa 5 anni. Il motivo di tale decollo sta nel fatto che le turbine a terra danno fastidio e le turbine vicine alle coste hanno spazi limitati. Inoltre, le turbine saranno sempre piu’ grandi e richiederanno sempre maggiori spazi, si prevede che in futuro non si potranno installare piu’ di due turbine per chilometro quadrato.

La societa’ Norvegese SWAY ha raccolto circa 15 milioni di euro in finanziamenti dai petrolieri della Statoil e produrra’ la prima piattaforma galleggiante per turbine a energia eolica nel 2010.

Lo scorso Dicembre una societa’ olandese chiamata Blue H Technologies ha piazzato le sue turbine a 20km al largo delle coste della Puglia in acque profonde circa 100 metri (il filmato della costruzione del prototipo e’ a questo link). La societa’ aveva preventivamente assicurato l’agenzia di certificazione navale Italiana che l’impianto  puo’ sopportare onde alte fino a 10 metri. Il vento soffia piu’ forte nel mare e questo puo’ presentare anche una opportunita’ per chi ha le giuste competenze, per chi sa realizzare i nuovi impianti ad energia eolica e per chi ha voglia di rischiare.

Continua…

Link: Alberona, Fantascienza, Mondoelettrico

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: