Le cittá sono la ricchezza delle nazioni

Un nuovo modo di vedere l’economia

Archive for 4 agosto 2008

Come riciclare un vecchio computer

Pubblicato da janejacobs su agosto 4, 2008

 

I prodotti elettronici rappresentano la categoria di rifiuti a crescita maggiore. Solo nel 2007 piu’ di 63 milioni di computer negli Stati Uniti e’ stata rimpiazzata o gettata in discariche secondo il governo USA. Ma i computer non solo vanno a riempire spazio nelle discariche, ma disseminano anche sostanze tossiche contenenti piu’ di 100 tipi diversi di sostanze chimiche tra cui il piombo, il cadmio, il bario e il mercurio.

Molte societa’ di computer offrono servizi di riciclaggio dei propri prodotti informatici, per cui: sirmet, tpa, ibm

 Un’altra alternativa e’ donare i propri vecchi computer. A tale proposito segnalo questa bella iniziativa.

Intanto l’Africa sta pagando il prezzo piu’ caro (vedi qui)

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Genova e Piano

Pubblicato da janejacobs su agosto 4, 2008

Salvate Genova, ascoltate Piano

LINK: urbanlab

Pubblicato in: citta' | Leave a Comment »

I Finlandesi sono studenti modello

Pubblicato da janejacobs su agosto 4, 2008

 

La Finlandia e’ l’invidia di tutte le nazioni per il suo sistema educativo. Il ministro dell’educazione finlandese oggi ha tre impiegati a tempo pieno che si dedicano esclusivamente a portare in giro per la Finlandia colleghi stranieri per studiare ed imparare come insegnare bene e come organizzare il sistema scolastico.

L’educazione finlandese e’ diventata un modello da quando la Finlandia ha vinto la classifica organizzata dall’OCSE chiamata PISA (Programme for International Student Assessment), che verifica la capacita’ dei quindicenni di tutti i Paesi Ocse (i 50 paesi “ricchi” del mondo) nell’abilita’ a leggere, in matematica ed in scienze.

Tuttavia non e’ certo che se tutti i paesi copiassero il sistema finlandese automaticamente avrebbero punteggi migliori. L’ortografia, la geografia e la storia non hanno niente a che vedere con i modo in cui le scuole sono gestite o su cosa accade nelle classi. Nella lingua finlandese ogni lettera ha un suono logico e non ci sono parole irregolari. Questo rende l’apprendimento piu’ facile. L’economia finlandese e’ stata prevalentemente agricola ed e’ stata dominata per secoli da Svedesi e Russi e pertanto ha rafforzato il suo sistema educativo come segno di identita’ nazionale. Per cui il lavoro duro e il buon comportamento sono normali; i migliori laureati sono stimolati anche economicamente a diventare insegnanti. La Finlandia ha riformato il suo sistema scolastico negli anni ’70. Ci sono voluti 10 anni di dibattiti, ma il risultato dura ancora oggi a 30 anni di distanza.

Quindi riassumendo sembra che cio’ che rende buono un sistema educativo e’:

1) una lingua “logica” e foneticamente facile

2) lavoro duro e etica del lavoro

3) disciplina e onesta’

4) poche riforme dell’istruzione ma condivise

5) un buono stipendio per attrarre buoni insegnanti

Classifica PISA.

Posizione Matematica Scienze Lettura
1 Taiwan Finlandia Corea del Sud
2 Finlandia Hong Kong Finlandia
3 Hong Kong Canada Hong Kong
4 Corea del Sud Taiwan Canada
5 Olanda Estonia Nuova Zelanda
6 Svizzera Giappone Irlanda
7  Canada Nuova Zelanda Australia
8 Macao Australia Liechtenstein
9  Liechtenstein Olanda Polonia
10 Giappone Liechtenstein Svezia
11 Nuova Zelanda Corea del Sud Olanda
12 Belgio Slovenia Belgio
13  Australia Germania  Estonia
14  Estonia Regno Unito Svizzera
15 Danimarca Repubblica Ceca Giappone
16 Repubblica Ceca Svizzera Taiwan
17 Islanda Macao Regno Unito
18  Austria Austria Germania
19  Slovenia Belgio Danimarca
20 Germania Irlanda  Slovenia

Fonte: OCSE

Pubblicato in: istruzione | Contrassegnato da tag: , , , , | 1 Comment »

Impianti eolici in Italia

Pubblicato da janejacobs su agosto 4, 2008

La societa’ www.maestrale.it possiede impianti eolici in Piemonte, Sardegna, Marche, Puglia e Sicilia per un totale dei 400 Megawatt.

Sul sito di questa societa’ c’e’ anche una lista della capacita’ di impianti eolici in ogni regione Italiana fino alla fine del 2006. I dati al 2007 non sono ancora disponibili.

Regione Capacita’ impianti eolici (MW)
Lombardia
0
Piemonte 0
Valle D’Aosta 0
Liguria 7
Veneto 0
Friuli Venezia Giulia 0
Trentino Alto Adige 3
Emilia Romagna 4
Toscana 28
Marche 0
Umbria 2
Lazio 9
Abruzzo 156
Molise 70
Campania 421
Basilicata 153
Puglia 468
Calabria 7
Sicilia 451
Sardegna 347
TOTALE 2123

Pubblicato in: energia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ricercatori cercansi in USA

Pubblicato da janejacobs su agosto 4, 2008

Offerte di lavoro per:

Esperti di termodinamica dei fluidi

Esperti di fibre ottiche

Ingegneri elettronici

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il futuro dell’energia solare

Pubblicato da janejacobs su agosto 4, 2008

Le celle solari che convertono l’energia solare  in energia elettrica saranno meno costose da produrre nel giro di qualche anno grazie ad una diminuzione dei costi di produzione che si aggirera’ attorno al 40% nel periodo 2006-2010.

Tali riduzione permetteranno a molte regioni di raggiungere la parita’ della rete, ovvero di raggiungere un punto in cui il costo dell’elettricita’ sara’ pari o inferiore all’energia derivata dalla rete elettrica. Tale parita’ iniziera’ nel 2012 nei paesi con molta luce solare e iniziera’ nel 2018 nei paesi meno soleggiati.

La parita’ della rete e’ il punto in cui tutti e’ possibile intrudurre auto ibride che si ricaricano nei garage di casa, riducendo la dipendenza dal petrolio. Ma c’e’ ancora molta strada da fare perche’ l’energia solare diventi competitive con l’energia derivate dal carbone, dall gas, dal petrolio e dagli impianti nucleari senza che lo stato fornisca sussidi.

Il segreto di ogni fonte energetica e’ il costo basso. Le nuove tecnologie devono essere in grado di fornire energia a costi bassi. Fino a quel momento, i paesi occidentali saranno dipendenti da petrolio, gas, carbone e dall’energia nucleare.

 

Continua…

 

Pubblicato in: energia | Contrassegnato da tag: , , , | 5 Comments »

L’acceleratore di particelle del CERN

Pubblicato da janejacobs su agosto 4, 2008

Al CERN di Ginevra si sono spesi 10 miliardi di Franchi svizzeri per il piu’ grande acceleratore di particele del mondo, 27 chilometri di tunnel sotterraneo. Questa macchina e’ destinata a trovare prove che confermeranno le piu’ sofisticate teorie sulla creazione e la fine dell’universo e sulla sua composizione.

I fisici moderni ritengono che ci siano 16 componenti fondamentali per tutto l’universo, molto piu’ piccole dei protoni, degli elettroni e dei neutroni. L’esperimento del CERN e’ destinato a dimostrare l’esistenza di altre piccole particelle dette bosoni di Higgs ipotizzate per la prima volta nel 1983. Questi bosoni di Higgs sono le particelle che hanno la funzione di dare una massa alle altre particelle di cui e’ composta la materia e di spiegare le forze di gravita’ delll’universo.

Siamo in una fase storica simile a quella in cui gli uomini medievali, davanti agli oceani sperduti, guardavano ai confini dell’universo con un misto di teorie scientifiche e fantastiche. E l’acceleratore di Ginevra e’ la nostra moderna caravella per capire come e’ fatto il nuovo mondo.

Un’altra particella di cui si spera di trovare l’esistenza sono i cosiddetti neutralini, che aiuterebbero a spiegare la fonte dell’elettromagnetismo nell’universo e quindi la spiegazione della materia oscura.

Quando gli scienziati guardano l’universo attraverso i loro telescopi, solo il 4% della materia che vedono produce luce, un altro 22% della materia e’ oscura, ma invisibile visti gli effetti elettromagnetici e gravitazionali. Il rimanente 74% dell’universo conosciuto e’ costituito da energia oscura. L’esistenza dell’energia oscura e’ dedotto da un effetto opposto a quello della gravita’ che sta spingendo l’universo “all’esterno”, al di fuori. La materia oscura e’ una specie di “mensola” su cui poggia tutta la materie luminosa e che evita che l’universo “scappi via” ad una velocita’ incontrollata.

E’ possibile che esista anche un’energia oscura oltre ad una materia oscura che accelerebbe la velocita’ di espansione dell’universo. Questa energia potrebbe comporre il rimanente 74% dell’universo, ma cosa quest’energia sia e’ un mistero ed e’ possibile che i bosoni di Higgs aiutino a chiarire questo mistero.

L’esperimento dell’acceleratore di particelle dovrebbe riuscire a creare dei piccoli buchi neri. Essi non consumeranno la terra, come alcuni credono, ma dureranno solo qualche istante ed evaporeranno in una speciale radiazione studiata da un famoso fisico inglese che e’ stata chiamata in suo onore radiazione di Hawking.

Pubblicato in: tecnologia | Contrassegnato da tag: , , , , , , , | 116 Comments »

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.