Le cittá sono la ricchezza delle nazioni

Un nuovo modo di vedere l’economia

LHC e adesso cosa succedera’?

Posted by janejacobs su settembre 13, 2008

Albert Einstein

Dopo la partenza del primo esperimento del 10 Settembre, l’acceleratore LHC del CERN fara’ ruotare le particelle ad una velocita’ molto vicina a quella della luce. Questa velocita’ e’ la piu’ alta velocita’ possibile nell’universo e viaggia a 299,792 chilometri al secondo.

La potenza degli acceleratori e’ stata aumentata piu’ di mille volte a partire dagli anni sessanta e circa un milione di volte da quando il primo ciclotrone, di circa 30 centrimetri di circonferenza fu lanciato nel 1931 all’Universita’ di California, Berkeley.

L’idea di base dietro al primordiale ciclotrone californiano e’ la stessa dietro all’LHC del CERN. Una combinazione di elettricita’ e forze magnetiche accelerano i protoni e li carica di energia. Poi li porta ad un arresto improvviso con qualcos’altro e a quel punto l’energia si converte in massa, creando nuove partielle, secondo la famosa teoria di Einstein E=mc2. La piu’ grande differenza fra il ciclotrone e l’LHC e’ che il ciclotrone “spara” le particelle contro un “obiettivo” statico, mentre l’LHC usa raggi contro-rotatori per raggiungere uno “scontro frontale di particelle”.

Lo scorso 10 Settembre l’LHC e’ stato semplicemente acceso per la prima volta, ma non ha ancora scoperto nulla. L’acceleratore sara’ messo in funzione numerose volte nei prossimi mesi e gli scienziati si augurano di scoprire queste famose particelle. Ma quando scopriranno questo qualcosa? Le scoperte scientifiche non sempre sono dei lampi di genio dove il famoso scienziato-archimete esclama eureka!, ho trovato. Ma piu’ spesso gli scienziati passano molto tempo a raccogliere dati nei loro esperimenti, li riguardano, li catalogano, li analizzano dal punto di vista statistico, e poi spesso ricominciano da capo. Alla fine, se tutto andra’ bene, emergera’ un risultato chiaro. E allora tale risultato sara’ rivisto da molti scienziati con occhio critico, sara’ criticato e pubblicato in un giornale scientifico.

Vista l’importanza dell’esperimento dell’LHC il processo dovrebbe essere piu’ breve poiche’ molti scienziati stanno lavorando contemporaneamente. Se poi si dovessero davvero scoprire i bosoni di Higgs, e’ probabile che il risultato verra’ rivelato alla stampa prima di venire scritto formalmente su un giornale scientifico.

I fisici stanno cercando con questa impressionante accelerazione i bosoni di Higgs, le famose particelle richieste dalla teoria fisica per spiegare l’esistenza della massa. Se si troveranno questi bosoni, i fisici potranno allora fare un passo avanti per cercare di comprendere i misteri della gravita’, raddoppiando il numero di particelle base con il meccanismo della supersimmetria e arrivando a generare piccoli buchi neri.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: