Le cittá sono la ricchezza delle nazioni

Un nuovo modo di vedere l’economia

Dove ci portera’ questa crisi finanziaria?

Posted by janejacobs su settembre 17, 2008

Il Professor Nuriel Roubini, economista dell’universita’ di New York da tempo dice che ci troviamo davanti alla piu’ grande crisi dopo quella degli anni 30.

Alla fine di questa crisi il sistema finanziario mondiale avra’ perso due bilioni (10^12) di dollari, mentre fino ad oggi ha perso “solo” mezzo bilione di dollari.

 

Tale crisi durera’ diversi anni perche’ le banche ridurranno di molto i prestiti alle imprese, alle famiglie e ai governi. Centinaia di piccole banche americane falliranno.

 

Dallo scorso anno il prezzo delle case USA e’ crollato del 20% e potrebbe crollare di un altro 30% da qui al 2010. Milioni di consumatori indebitati non riusciranno a pagare le rate del mutuo, dell’auto, i conti delle carte di credito e ogni genere di prestito. La bancarotta di molte banche spazzera’ via anche i risparmi sui conti correnti di molti risparmiatori.

 

Il mercato azionario americano crollera’ di un ulteriore 40%. L’economia di paesi come l’Italia e la Spagna e di altri paesi che negli ultimi anni si sono arricchiti principalmente con il mattone, seguiranno il crollo Americano. Il prezzo del petrolio rimarra’ attorno ai 100 dollari al barile.

 

Il sistema monetario di Bretton Woods 2 basato sull’importanza del dollaro crollera’ e ne verra’ instaurato un altro che lascera’ le monete Asiatiche e dei paesi emergenti libere di fluttuare e le loro economie meno dipendenti dalle esportazioni verso l’America. Gli esportatori Italiani farebbero meglio a cercare nuovi clienti in Asia se sperano di rimanere in piedi.

 

Attorno al 2010 l’economia dovrebbe riprendersi.

 

Per maggiori informazioni cliccare qui.

 

Per vedere segnali di ripresa… qui.

Advertisements

31 Risposte to “Dove ci portera’ questa crisi finanziaria?”

  1. paolomot said

    Bisognerà vedere quanto peserà il peak oil sull’economia mondiale…

  2. Osvaldo said

    Forse, anziché due triliardi di dollari, intendeva dire due TRILIONI?
    Non credo esista in italiano il termine triliardo. Per intenderci sugli ordini di grandezza:
    1 milione = 1×10^6 (cioé 1 seguito da 6 zeri)
    1 bilione = 1×10^9 (detto anche miliardo)
    1 trilione = 1×10^12
    1 quadrilione = 1×10^15
    ecc.

  3. janejacobs said

    Ciao Osvaldo, grazie per il tuo appunto e benvenuto su “Le citta’ sono la ricchezza delle nazioni”. Il numero che intendevo dire e’ 10^12, su http://it.wikipedia.org/wiki/Bilione ho trovato che questo numero si chiama bilione, mentre trilione e’ 10^18. Modifichero’ il testo per ora riflettendo la definizione di wikipedia.

  4. Speriamo in futuro di non dover usare il “googol” (10^100) per calcolare certe perdite… 🙂

  5. tauzero said

    Ciao. Non credo che, per quanto grave, la crisi attuale tolga sposterà gli equilibri verso l’Asia o altri paesi emergenti. Su questo concordo con quanto ha scritto Attali (che, intendiamoci, non e’ certo la Bibbia) nella “Breve storia del Futuro” pubblicata un paio di anni fa. Francamente non vedo – almeno a breve – “rivali” credibili degli USA. Almeno per i prossimi 20-25 anni la leadership mondiale resterà nelle mani di Washington. Magra consolazione, visto che tutto questo non esclude le pesantissime ripercussioni (principalmente sulle classi medie e sui ceti più deboli) che inevitabilmente seguiranno quest’ultimo crash borsistico.

  6. karalis said

    Che dire, speriamo che Nuriel Rubini abbia ragione.

    Per quanto mi riguarda non ho auto, vivo in una casa popolare, non bevo, non fumo, cammino a piedi, non vado in ferie, mangio una sola volta al giorno, i ristoranti non mi vedono ormai da anni, vesto panni comprati al mercatino e li cambio solo se puzzano.

    Aspetto di godermi lo spettacolo snocciolando le ultime noccioline della riserva e sbocconcellando un pò di fusaglie che conservo per l’occasione insieme a due gazzose….

  7. controreazioni said

    Potrebbe essere la volta buona che si costituisce l’Europa come reale soggetto politico. Sarebbe la risposta migliore a quell’assenza di governo dei flussi economici che ci ha condotto a questa crisi. Spero che dal laboratorio delle formule ideologiche si passi al terreno scabro e che tutti gli apprendisti stregoni di questi anni inizino a nascondere la testa sotto la sabbia. Così potrò ripendere a leggere Marx, in santa pace.
    Di solito ci occupiamo di cinema.

  8. janejacobs said

    Se puo’ interessare “Le citta’ sono la ricchezza delle nazioni” ha parlato delle teorie economiche di Karl Marx in questo post: https://janejacobs.wordpress.com/2008/03/11/il-paradiso-degli-sciocchi-parte-ii/

  9. controreazioni said

    Si può interessare, gli darò uno sguardo presto.

  10. michele said

    questa crisi finanziaria e la testimonianza di un sistema capitalistico che in questo modo non puo funzionare….il vero sistema capitalistico cioe quello che c’era piu o meno 30 anni fa in america non c’e piu.E’ arrivato il momento di trovare i responsabili e di non commettere errori simili che possono compromettere la vita di milioni di persone!Torniamo al capitalismo responsabile cioe quello in cui tutti hanno la possibilita di consumare portanto un vero beneficio alla collettivita.

  11. giovanni said

    buon giorno a tutti questa crisi è solo un atto terroristico per chi oggi cerca di lavorare onestamente in base alla crisi la prima cosa da risolvere è quella della corruzzione interbancaria poiche diversi interessi viaggiano nella sua rete poi per non parlare dei governi che sino ad oggi hanno goduto su questo ora che succede in primis la gente onesta e lavoratrice ha ristretto è vero il suo badget ma verso le entrate fiscali adesso siccome non riescono piu a recepire un misero cent per pagarsi gli stipendi quei benefattori di politici ci provano in tutti i modi per risolvere i loro problemi cioè riempire le casse dello stato visto che la maggior parte della gente ( per bene ) si è stancata di di ricevere calci nei fondelli dice basta io lavoro e dovrei pagare le tasse ad un governo che rimpinza i propri e soli diritti ?
    la loro risposta è non le paghiamo ecco che questi signori vedono scendere sempre piu le casse dello stato ed ora dicono cosa facciamo ? ci proviamo con l’autovelox e gli acquisti delle nuove auto infatti il brent alle stelle ha spostato tutto il mercato automobilistico italiano dove sull’acquisto di auto con alimentazione differente e vediamo che anche i prezzi dei carburanti lievitano ( un serpente che si morde la coda ) poi vedono che anche gli autovelox non sono efficaci poiche la gente consapevole delle multe che fa rispetta i limiti ed ora
    come le riempiamo le casse dello stato ? unica e semplice risposta colpendo l’economia ècco la crisi tanto amata e famigerata incitando gli italiani a non togliere i loro risparmi dai conti correnti altrimenti neanche quelli beccherebbero 😀

  12. […] Dove ci portera’ questa crisi finanziaria? Il Professor Nuriel Roubini, economista dell’universita’ di New York da tempo dice che ci troviamo davanti alla […] […]

  13. giovanni said

    professor Nubiel Rubini ? e chi sarebbe il Matma Ghandi dell’economia non ci vogliono mica scenziati per capire certe cose perche non dicono mai e non parlano di come noi paesi industrializzati sfruttiamo le risorse del 3 mondo per arricchirci noi e far morire di fame ogni giorno di piu in bambini in Africa ?
    perche non parlano dell U238 e le sue conseguenze?
    perche non parlano delle politiche di acquisizione merci dei grossi gruppi di acquisto con le triangolazioni delle fatture evadendo il 20 % iva su ogni singolo prodotto ( Centri Commerciali)
    ecco qua che si capitalizzano giornalmente 1.500.000 € di evasione fiscale giornaliere
    perche non parlano di serie malattie venute con il progresso aviaria ecc ecc ?
    i problemi sono altri e di ben maggiore entità la gente non deve essere informata certe cose non vanno dette all ‘opinione pubblica poiche la gente per ottenere diritti scende in piazza non essendo informata di nulla ecco perche spesso e volentieri le loro proteste non contano e dopo tutti questi problemucci veniamo a parlare di crisi finanziaria ?
    miei cari la crisi tanto angustiata la stiamo alimentando noi come sempre dal 1950 ad oggi si è pensato solo a rimpinzare le tasche dei politici con false promesse da loro manifestate e mai risolte c’è una minoranza che queste cose le sa e come è giusto dovrebbero saperle tutti e rendersi responsabili di chi si ha di fronte in guerra si diceva per combattere il nemico bisogna conoscerlo ! sara vero ?

  14. emanuel said

    gesu sta per arrivare!!!!

  15. Anonimo said

    Sono d’accoro con chi definisce questa crisi finanziaria un atto trroristico. Pensiamoci su, tutti. Ogniuno di noi domattina si alzerà per fare quello che fa da anni, ogni anto giorno.
    Per la gente comune, quella che costruisce ogni giorno l’ economia rale, tutto domani sarà come prima, quando nulla si sospettava.
    Io credo che la vera ragione dell crisi sia una grossa speculazione in atto da parte di grandi nomi della finanza e di grossi invesitori; sono fermamente convinto che alla fine di questa buriana vedremo un cambio al vertice di molte multinazionali ed imperi economici.
    Se così non fosse, se tutto non fosse già deciso a tavolno, come farebbero illustri economisti a dirci quanto perderanno ancora i mercati, quando la crisi finirà ecc. Nessuno ha la sfera di cristallo!
    Eduardo

  16. Antonio said

    Jane:

    In italiano un bilione è uguale ad un miliardo e significa mille millioni.
    Per indicare un milione di milioni devi scrivere un trilione.
    Lo stesso è per gli Americani ed i Francesi.
    Secondo i Tedeschi e gli Inglesi un bilione (billion) è uguale ad un milione di milioni.

    Per darti un idea:
    Il Billionaire di Briatore infatti penso che abbia la pretesa di significare “per i miliardari di Euro o di Dollari” e non per quelli che hanno milioni di milioni di Euro o Dollari, anche perchè non ci potrebbe entrare nessuno…

  17. […] Dove ci portera’ questa crisi finanziaria? « Le cittá sono la ricchezza delle nazioni. […]

  18. Gpver said

    Non capisco come sia possibile che una casa perda il 50% del valore in pochi anni ma li vediamo i prezzi degli appartamenti?

  19. tania said

    perchè l’ITALIA non si da una mossa?
    muoviamoci altrimenti non saremo più capaci di stare in piedi…

  20. Monica said

    Io penso che ognuno di noi dovrebbe fare una propria rivoluzione affrontando a muso duro bancari corrotti, politici
    protetti e presuntuosi, enti pubblici indolenti e ladri, impiegati statali “mantenuti”, cooperative e societa’ interinali che sfruttano la manodopera. Perche’ nessuno ha mai denunciato questo grado di sfruttamento?? che sindacati ci sono dietro queste realta’ ??? quanto “nero” gira per le banche?quanto denaro falso fanno circolare?? quanto ci rubano in commissioni e interessi le banche? e se cominciassimo noi a farle fallire??anziche’ noi come Stato a salvarle???
    Siamo un branco di pecoroni assillati a pagare debiti, interessi da usura, che servono ai loro sporchi giochi.
    Bisogna denunciare, boicottare, ribellarsi!

  21. […] https://janejacobs.wordpress.com/2008/09/17/il-futuro-della-crisi-finanziaria/ […]

  22. FRANCESCO said

    CIAO RAGAZZI VI SCRIVO PERCHE COME O LETTO DA DIVERSI MESSAGGI
    SI VUOL SAPERE CHE FINE SI FA!!!!!!!!!ebbe non si sa si parla ogni giorno;morti aeri che cadono querre ,morti qua morti di la non si capisce niente piu leggete sul sito;http://fransua.beepworld.it/
    e poi vedrete se non e come dico io, vi saluto………

  23. Pier said

    A mio avviso Monica ha colto nel segno. Tutte queste grandi gregore industriali, finanziare,governative, coorporative ecc. utilizzano il fatto che non si è ancora creata la possibilità di dar vita ad un coeso movimento di consumatori in grado di muovere azioni precise e ben determinate.
    Prendiamo le banche. I tassi di riferimento (Bce ecc.)scendono e loro anzichè adeguare al ribasso i tassi applicati ai prestiti e mutui concessi alla clientela cosa fanno?
    Alzano lo spread in misura esorbitante. Conseguenza finale per il consumatore?
    Costo del denaro sempre caro e consumatore gabbato.
    Cosa fare allora?
    Idea da meditare: cosa farebbero le stesse banche di fronte alla minaccia (reale e concreta)che una buona parte dei loro clienti mettendosi d’accordo preventivamente (quindi una cosa seria e molto ben organizzata) si presentasse lo stesso giorno, contemporaneamente, in più città italiane a richiedere il ritiro di tutti i loro depositi? E questo per più giorni di seguito?
    Se e quando i consumatori (di qualsiasi prodotto si tratti non importa) riusciranno a diventare una FORZA UNITA in grado di AGIRE e non solo SUBIRE PASSIVAMENTE le cose potranno cambiare.

  24. Luce nera said

    Buon Giorno
    Sono una vittima anche io di questa crisi di merda.
    Un ano fa mi sono messo a carico quasi un milione di € di debiti a carico.
    Non lo avessi mai fatto,come facevo a sapere tutto cio.
    Ho famiglia e non vorrei fare pazzie.
    Qualcuno puo darmi qualche consiglio?

  25. Baron de la Suisse Edmundus Jagaller de Mosargon said

    Alo´, sono un Barone de la Suisse, esattamente il Baron Edmundus Jagaller de Mosargon. Ho un milione di azioni di Banca Mediolanum che stan letteralmente precipitando, per lungo tempo, ogni di´, meno otto, meno otto, meno sei. Da sei euro e mezzo a due euro e in due anni solo, con quel ciucciochic de Ennio Doris de Banque Mafiolanum Mediolanum, ogni 24 ore, a dire “comprate comprate ( da quando valeva sei euro, aaaaa, les italiennes camorritique)”. Ho anche tante Mediaset, 800.000, che sono in linea con le crollanti appena citate Banque Mediolanum, con el mega sciacquone de dineri mafiosi´, Silvio Berlusconi, a dire ogni 12 ore, in qs caso´ “comprate comprate ( da quando valeva 9 euro, aaaaa les italiennes piduiste e mafiosoni´)” . Queste poi frantumatesi da 27 euro a 3 euro, in soli sette anni. Si dice nella mia Geneve che Banque Mediolanum, comunq, stia cadendo come se in un baratro, perche´coinvolta in traffici di danari mafiosi direttamente con gli Zummo, via ciellino deviato ( mi par si dica cosi’) e riciclatore di danari mafiosi stesso, Paolo Sciume´de Banque Mediolanum. Tale riciclaggio di danaro della mala sicula, pare sia stato fatto su ordine dei banchieri, quindi, altrettanto riciclatori di danaro assassino, Edoardo Lombardi, Giorgio Pirovano, Massimo Doris e Ennio Doris di questa, quindi, mafiosdelux, Banque Mediolanum. Ma si dice pure che detta Banca Mediolanum, stia mezza fallendo, anche perche´ coinvolta in altri riciclaggi di danaro criminale, esattamente per la super killer mala messicana, via Alain Stanford, e per la assassina a raffica, mala colombiana di destra. E si connette tutto cio’, poi, ai noti riciclaggi di danaro parimenti mafiosissimo del padre del noto despota Silvio Berlusconi ( il cui consigliere, Attilio Ventura, e´un cocainomane, si dice, pure pedofile, usatissimo dalla Ndrangheta, negli anni 70, 80 e 90, ai soliti fini de lavage; e il cui operatore de Borse numero uno, es el super corrotto porcun, Michele Calzolari de Centrosim, uno che ha sempre el cappello´en boca´, e al collo, un cartello con su scritto “bustarella´ pls, bustarella´ a Lugano´o non faccio nulla´ eeee”; e il cui diplomatique preferi´ es el super prezzolatone filmafiosissimo Gianni Castellaneta, della ambasciata de les italiennes a Washington; Gianni Castellaneta, el politque preferito tambien de John Gotti, Anthony Urso, Vincent Basciano, Michael Mancuso, isomma´ Gianni Castellaneta, el poltique numero uno dei mafiosissimi Bonanno´de Nueva York, ooo qs italiennes intrigoni filo crimina´l, alla ves), gran riciclatore di danari assassini di Stefano Bontate, ossia, Luigi Berlusconi, in Banque Rasini. Chiusa proprio per detto lavado de dinero, nel 1982. E si lega, poi, per concludere, tutto cio’, alle 13 scatole occulte che controllano Mafininvest, ops, sorry, Fininvest, che, per tutto il mondo, ormai, son assolutamente di provenienza super assassina e super sanguinaria. Perbacco, impazzisco, sto avendo perdite paurose, potete darmi ragguagli svp? Grazie. Oppps, scordavo, a Geneve. ultimamente, si parla tantissimo anche dei riciclaggi´ di danaro camorristique, de Francesco Perilli de Equita sim o Equita, insomma, ex massonico/criminale Euromobiliare sim. E´vero? Pls let me know. Io penso di si, conoscendo il pelo sullo stomaco davvero filoterroristique, de Francesco Perilli de Equita sim, gia´massonsataniste Euromobiliare sim….
    Ps saluti dai miei vicini di casa, i Berlusconianissimi massoni piduistoni Savoia´ ( che si dice anche loro, in Fininvest, via p2, han riciclato tonnellate di danaro sottratto all´Italia prima di darsela a …..).
    Baron Edmundus Jagaller de Mosargon zona Luxdelait Geneve Ch, raggiungibile ogni giovedi ore 21 presso Rotary Geneve, rue de sendriere 18.20;
    e ma´: edmundojagallerdemosargon@yahoo.co.uk

  26. Anonimo said

    Era tutto davvero prevedibile ed i segnali di malcontento dati negli utimi anni da tutte le categorie di lavoratori autonomi, professionisti ma soprattutto imprenditori dovevano rappresentare un serio allarme. Lo stato Italiano ha sostanzialmente devoluto i problemi occupazionali alle imprese a cui ha accollato tutto l’onere del sostentamento delle famiglie. Sarebbe andato pure bene se non che, Poi, le ha strngolate con le tasse portando a livelli esorbitanti sia quelle sulla manodopera che tutte le altre. questo in concomitanza con la speculazione dei grandi cartelli internazionali delle materie prime. Vedi petrolio. Non basta. I nostri cari governanti hanno pure appesantito i centri di produzione obbligandoli a sostenere tutta una serie di spese inutili per adeguarsi a normative folli il cui unico scopo chiaro era quello di generare uno sviluppo economiro risicato e destabilizzante. Naturalmente, oltre agli incentivi (la cosa più creativa che le nostre menti della finanza hanno partorito) nessun aiuto è stato dato alle imprese. Sul piano delle infrastrutture ma soprattutto dove secondo me ce n’era più bisogno dei servizi e delle iniziative aggreganti volte a favorire e rafforzare le nostre esportazioni nel resto del mondo, l’indiscusso punto di forza dell’economia italiana. Viceversa le amministrazioni sono state riempite di burocrati, inutili, che hanno quale unico merito quello di far lievitare a dismisura la spesa per il sostentamento dei dipendenti pubblici e la burocrazia (altra spesa lievitata a dismisura). Adesso assistiamo al calo dei prezzi delle materie, perchè per la prima volta da parecchio tempo si assiste ad un calo significativo della loro domanda, le imprese hanno reso il mandato: no grazie, e lo stato, gli stati anzi le cui scelte in passato sembrano essere non proprio indirizzate in modo puro ed univoco alla soddisfazione delle esigenze di benessere della nazione sono in guai seri.

  27. victor said

    speriamo che la crisi ci aiuti a capire,( e più e lunga e profonda più sarà dura per chi si mantiene con la propia fatica e rischio)che la appartenenza politica,in italia serve solamete a mettere scompiglio nel popolo a creare fazioni di qualsiasi genere condito con molto odio. a questo punto la ragion non basta ed il caos sovvrasta, il gioco e fatto.spero che il petrolio rincominci a salire cosi stopperà una futura ripresa economica almeno sporcheremo ed inzozzeremo meno la terra; si lo so,e tragico il mio modo di vedere ma sono convinto che a questa dose di entropia lnico modo di crscere e sprofondare.

  28. Frank Di Cerbo New York City said

    Uno dei piu’ prezzolati e schifosi, nonche’ luridi complici di Banca Mafiolanum Camorranum Riciclanum Mediolanum e’ lo sciacquone di cash della Ndrangheta milanese, Paolo Barrai di Mercato Libero, uno cacciato a calci in faccia da Citibank, in quanto nella stessa creava conti fittizi a favore dei criminalissimi Ennio Doris e Giorgio Pirovano di Banca Mediolanum, per far fare loro enormi dividend washing sul 1,99 per cento della Generali ( 1.99 pc, ovviamente, per, fraudolentemente, direi, anzi, malavitosissimamente, ridirei, evitare costosissime opa), nel 1999. Operazione, per la quale, gli stessi mafiosi in cravatta Ennio Doris e Giorgio Pirovano di Banca CosaNostranum, AlCaponanum, Mediolanum, sfiorarono la galera ( salvati da che? dla primo scudo maiale e fiscale di Tremonti, o che caso, ooooo). E’ ora di fare una rivoluzione calientissima in Italia, e’ ora di far finire malissimo tutti i Berluscones. Frank Di Cerbo ( parente di chi caccio’ a sberle in faccia, ladrone Paolo Barrai, da Citibank)

  29. Definitely one person might need the coffee maker which
    makes use of a particular type of coffee and additionally dispenses one mug at just a period,
    and yet another might like a coffee maker that can possibly make a pot large enough for
    an entire party. Drip Coffee Maker Usually Asked concerns
    what is truly the ideal temperature for brewing coffee? about specialists agree
    that 200 degrees is definitely the most effective environment for brewing coffee.

  30. Chasity said

    Do you have a spam issue on this website; I also am a blogger, and I was wanting
    to know your situation; we have created some nice methods and we are looking to swap methods with others, be sure
    to shoot me an e-mail if interested.

  31. This post presents clear idea in favor of the new visitors of blogging, that actually
    how to do blogging and site-building.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: