Le cittá sono la ricchezza delle nazioni

Un nuovo modo di vedere l’economia

Il futuro della medicina

Posted by janejacobs su aprile 18, 2009

Storicamente l’innovazione tecnologica e la medicina hanno camminato insieme. Nel 2750 a.C. gli antichi Egizi erano gia’ in grado di effettuare operazioni chirurgiche;  i Romani svilupparono apparecchi medici come il forcipe e l’ago da sutura. In tempi piu’ moderni la medicina e’ stata trasformata da ondate di innovazione che hanno generato scoperte come gli antibiotici, i vaccini e l’angioplastica.

Visto il livello di innovazione informatica contemporanea degli ultimi anni, dobbiamo constatare un certo ritardo nel settore della sanita’. Altri settori si sono computerizzati notevolmente a partire dagli anni ’80, mentre il rapporto tra medici e pazienti rimane ancora ancorata all’antico sistema della carta e della penna.

Ma ora la medicina pare stia per cambiare. Essa potrebbe presto essere trasformata dall’introduzione di cartelle mediche digitali che potrebbero essere inserite in grandi banche dati e costituire oggetto di ricerca da parte della comunita’ medica, fornendo una rete per il miglioramento della cura del paziente e per la ricerca farmaceutica. I Paesi in via di sviluppo gia’ stanno utilizzando i telefoni cellulari per mettere il dottore nelle tasche del paziente. Le apparecchiature mediche e la diagnostica si sta digitalizzando, avanzando verso il futuro della telemedicina, di apparecchiature mediche personalizzate per la casa e di pillole intelligenti.

La prima rivoluzione tecnologica della biologia moderna inizio’ con James Watson e Francis Crick che descrissero la struttura del DNA circa cinquant’anni fa. Watson e Crick fondarono il campo della biologia cellulare e molecolare, che permise la nascita dell’industria biotecnologica. Quasi dieci anni fa per la prima volta fu sequenziato il genoma umano gettando le premesse per illuminare una rivoluzione nella scoperta della origini di molte malattie.

Ora ci potrebbe essere una nuova rivoluzione nel mondo della medicina: la convergenza di biologia ed ingegneria. Un recente rapporto del Massachussets Institue of Technology (MIT) sostiene che le scienze sono gia’ state trasformate dall’adozione della tecnologia informatica, dallo studio di materiali avanzati, dalla formazione dell’immagine, dalla nanotecnologia e da modelli e simulazioni sofisticate. Il premio Nobel Phillip Sharp ritiene che queste innovazioni delle scienze presto verranno applicate anche alla medicina.

Robert Langer, un biochimico del MIT che possiede oltre 500 brevetti in biotecnologia e tecnologia medica e ha fatto da consigliere per la creazione di piu’ di 100 nuove imprese in quei campi, ritiene che l’innovazione nel campo della tecnologia medica stia per decollare. Menno Prins della multinazionale olandese Philips, spiegano che come accadde per la chimica oggi sta accadendo nella biologia una rivoluzione dove ci si muove da un mondo basato sull’alchimia e l’ignoranza ad un mondo di scienza ripetibile e prevedibile.” Ajay Royyuru dell’IBM, il gigante dell’informatica, ritiene che oggi sia in corso la trasformazione della biologia in una scienza informatica .”

Una buona parte di tutto questo ottimismo scientifico potrebbe essere fondata. Mentre i Paesi Ricchi invecchiano e si ammalano i Paesi Emergenti si arricchiscono ed ingrassano, il mercato per l’innovazione medica sembra destinato a crescere. Una tecnologia intelligente puo’ aiutare a risolvere i grandi problemi della sanita’: un eccesso di spesa nei Paesi Ricchi e una mancanza di risorse nei Paesi Poveri.

Ma questo processo richiedera’ tempo e sara’ piu’ una riforma che una rivoluzione. I sistemi sanitari dei Paesi Ricchi potrebbero fornire resistenza alle nuove tecnologia ed essere superati dai Paesi Poveri. A causa dell’aumento dei costi della sanita’, i sistemi di sanita’ nazionali e le assicurazioni potrebbero non volere adottare le nuove tecnologia meno che gli inventori dimostrino chiaramente che le nuove tecnologie offrono benefici tangibili e dimostrabili.

Se questi ostacoli verranno superati, il piu’ grande vincitore di questa riforma sara’ il paziente. In passato la medicina ha avuto un atteggiamento paternalistico con i medici erano i soli depositari della conoscenza e dispensano tale conoscenza dall’alto. Questo sistema e’ destinato ad essere superato. La digitalizzazione promette di connettere i dottori non solo con tutto cio’ che hanno bisogno di sapere sui loro pazienti, ma anche con altri dottori che hanno curato simili malattie.

La convergenza di biologia ed ingegneria sara’ guidata da nuove tecnologie informatiche, che in medicina significa digitalizzazione delle cartelle mediche e creazione di una rete intelligente e sicura per scambiarsi informazioni basate su banche dati di cartelle mediche. Questa riforma permettera’ ai pazienti di avere a disposizione queste informazioni e di assumere un ruolo piu’ attivo nella gestione della propria salute e delle proprie cure mediche. 

 Continua…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: