Le cittá sono la ricchezza delle nazioni

Un nuovo modo di vedere l’economia

Posts Tagged ‘acqua’

Agricoltura senz’acqua

Posted by janejacobs su agosto 13, 2009

Cosa succederebbe se i nostri campi smettessero di produrre cibo a causa di una crescente mancanza d’acqua? Purtroppo lo osserveremo presto seguendo la difficile situazione di carestia idrica che sta attraversando l’India.

Posted in ambiente | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fatti sull’acqua

Posted by janejacobs su marzo 18, 2009

L’acqua e’ la linfa vitale del nostro pianeta. Innumerevoli specie di piante ed animail che vivono sulla terra e nei mari hanno bisogno di acqua per sopravvivere. Gli uomini hanno una relazione particolarmente complicata con l’acqua in quanto fanno affidamento su di essa non solo per sopravvivere, ma per generare energia, per trasportare persone e merci, per coltivare beni agricoli e per produrre beni diversi, dall’acciaio, al cemento, alle medicine.

 

Ogni volta che si effettua una compravendita l’acqua e’ coinvolta in maniera diretta o indiretta. Come? Vi vogliono 246 litri di acqua per produrre un chilo di patate. Ci vogiono dieci litri d’acqua per produrre un foglio di carta. Ci vogliono 40 litri d’acqua per produrre una fetta di pane. Ci vogliono 70 litri d’acqua per produrre una mela. Ci vogliono 120 litri d’acqua per produrre un bicchiere di vino. Ci vogliono 140 litri d’acqua per produrre una tazza di caffe’. Ci vogliono 10,855 litri di acqua per prdurre un paio di jeans. Ci vogliono 378,500 litri di acqua per produrre un’automobile.

 

Ogni volta ache gli uomini interagiscono con l’acqua ne modificano il corso o la composizione chimica. Anche se il volume di acqua sul nostro pianeta non e’ mai cambiato, il suo stato e’ cambiato. L’acqua e’ cambiata sia in termini di caratteritiche delle pioggie che della sua composizione chimica negli Oceani. E il cambiamento di questa composizione chimica deve portarci a farci delle domande sul nostro stile di vita e sul nostro desiderio di sopravvivere come specie. Soprattutto alla luce di una crescente urbanizzazione e dell’innalzamento degli Oceano che allaghera’ milioni di citta’ costiere privando le sue popolazioni di acqua potabile. Fino ad ora gli uomini sono sopravvissuti sapendo molto poco sul sistema delle acque. Abbiamo sempre saputo dove trovare l’acqua e come usarla, ma non abbiamo mai compreso in profondita’ come preservare il sistema delle acque. In futuro non potremo permetterci il lusso di una simile ignoranza.

 

Fonte: Nazioni Unite GIO

 

 

 

Posted in energia | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

Acqua, rifiuti, gas serra

Posted by janejacobs su marzo 4, 2009

Nei prossimi anni ci sara’ un sostanziale aumento della popolazione. Molto probabilmente saremo 8 miliardi entro 20 anni e 9.3 miliardi entro il 2050.

 

Questo aumento della popolazione avra’ un forte impatto sull’ambiente. In primo luogo ci sara’ forte scarsita’ d’acqua. Circa il 50% della popolazione non avra’ acqua a sufficienza.

 

Inoltre, i rifiuti domesici ed industriali aumenteranno considerevolmente. Ed infine, se non impareremo ad usare un’energia piu’ pulita, ci sara’ un forte aumento di anidride carbonica e gas serra nell’atmosfera.

 

Entro la fine del ventunesimo secolo, il consumo di energia sara’ piu’ del doppio di quello attuale, con il risultato che le emissioni di anidride carbonica aumenteranno considerevolmente. Per diminuire i gas serra del 20%, si dovra’ generare almeno la meta’ dell’energia da fonti rinnovabili.

 

Se coprissimo anche solo il 5% dei deserti del pianeta con pannelli solari e li collegassimo alle citta’ che consumano energia poremmo produrre electtricita’ sufficiente a soddisfare i bisogni de pianeta.

 

Posted in ambiente, energia | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Impianti di aria condizionata “verdi”

Posted by janejacobs su luglio 16, 2008

Impianto di aria condizionata ad acqua 

Ad Amsterdam interi edifici ed intere sale computer sono raffreddati senza usare impianti di aria condizionata ad alto dispendio energetico. Ma si usano invece impianti di raffreddamento che utilizzano la temperatura dell’acqua di lago. Questa forma di raffreddamento comporta un risparmio di emissioni di CO2 del 75% per edificio rispetto all’aria condizionata tradizionale.

Un lago dalle acque profonde vicino ad Amsterdam chiamato Nieuwe Meer aiuta il quartiere di Zuidas, un quartiere di Amsterdam a stare al fresco.

L’acqua fredda e’ pompata dal lago ad una profondita’ di 30 metri in un sito di raffreddamento a ciclo continuo che raffredda l’acqua, la immette in una rete di raffreddamento  e la ripompa indietro nel lago dove l’acqua torna nelle condizioni di partenza. L’acqua raffreddata viene immessa nel quartiere di Zuidas, dove raffredda gli edifici. Il sito di produzione ha anche impianti di refrigerazione a compressione, che producono un ulteriore raffreddamento per l’acqua trasportata se la temperatura del lago e’ troppo elevata. In questo modo e’ possibile fornire acqua fredda alla temperatura giusta in ogni momento.

Fonte: Zuidas

Posted in energia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’ Expo di Saragozza 2008

Posted by janejacobs su giugno 11, 2008

Il ponte-padiglione disegnato da Zaha Hadid per l’Expo 2008

Per secoli Saragozza ha voltato le spalle al fiume Ebro, il piu’ lungo della Spagna, che attraversa la citta’ e che sorge in Cantabria e sfocia nel Mediterraneo. Nessuno dei piu’ importanti edifici di Saragozza, inclusa la sua cattedrale, la Basilica barocca del Pilar, si affaccia sul fiume. Tuttavia, in occasione dell’Expo 2008, Saragozza intende mettere al centro dell’Esposizione il tema dell’acqua, e nel frattempo diventare una delle piu’ importanti citta’ della Spagna. Il tema dell’Expo 2008 e’: “Acqua e Sostenibilita’”, una scelta ispirata al clima arido della regione.

Tuttavia, il tema dell’acqua non e’ un tema solo locale, ma gli organizzatori dell’Expo 2008 intendono risvegliare il tema della scarsita’ d’acqua e di come gestire con responsabilita’ tale risorsa. Piu’ di 100 Paesi parteciperanno a Saragozza 2008, che apre i battenti questa settimana e gli organizzatori aspettano dai 6 ai 7 milioni di visitatori nei tre mesi di durata dell’Expo.

Saragozza e’ stata trascurata per decenni. Tuttavia, 25 anni fa il governo centrale Spagnolo e quello regionale dell’Aragona, di cui Saragozza e’ capitale, hanno sviluppato dei progetti per porre fine all’isolamento economico della citta’ e per rivitalizzare la regione. Il governo centrale e quello regionale hanno iniziato a considerare le caratteristiche della regione, una regione scarsamente popolata e con grandi spazi, con estati calde come l’inferno, con inverni gelidi -particolarmente vicino ai Pirenei- e con pianure ventose.

Il governo Spagnolo e quello Aragonese sono riusciti a trasformare in punti di forza queste condizioni climatiche ostili. Le fredde aree dei Pirenei al Nord sono diventate stazioni sciistiche , le pianure ventose sono diventate delle fattorie di impianti eolici ed il caldo torrenziale e’ stato trasformato in energia solare rinnovabile.

Tuttavia, il piu’ importante sviluppo dell’area e’ derivato dall’intuizione geografica che vede Saragozza ad un raggio di 300km dalle citta’ di Madrid, Bilbao, Barcellona, Valenza e Tolosa in Francia. Tale intuizione ha portato allo sviluppo del piu’ grande parco logistico d’Europa che si estende su 13km quadrati e che risale all’anno 2000.

La Inditex, il piu’ grande rivenditore Europeo di abbigliamento fa affidamento per il suo successo sull’efficienza della logistica e ha deciso di impiantare la sua base a Saragozza, altre grose multinazionali fra cui la DHL e la Barclays Bank hanno seguito la Inditex. Il Massachussets Institue of Technology ha fondato a Saragozza una facolta’ di logistica dove l’insegnamento si fa in mezzo alle attivita’ produttive del parco logistico di Saragozza. Tale facolta’ attrae studenti da tutto il mondo.

L’Expo dovrebbe essere un’altra occasione per migliorare l’aspetto ed aumentare la ricchezza di Saragozza, quando la citta’ ospitera’ professori ed esperti di risorse idriche che genereranno idee per migliorare i problemi derivanti dalla mancanza d’acqua.

Uno dei pezzi centrali dell’Expo sara’ il Ponte-Padiglione progettato da Zaha Hadid. Saragozza spera che questa struttura, che assomiglia ad un gladiolo, diventera’ un simbolo della citta’ come il Museo Guggenheim lo e’ diventato per la citta’ di Bilbao.

Nel 1992 Siviglia ospito’ un’Expo che si contraddistinse per sprechi, corruzione e per mancanza di pianificazione. A Saragozza, gli organizzatori giurano di aver imparato dagli errori di Siviglia e di aver costruito solo edifici che avranno un uso economicamente sostenibile anche dopo l’Expo. Saragozza e’ convinta che i benefici dell’Expo dureranno a lungo.

Continua…

Posted in citta', g. Regioni impianto | Contrassegnato da tag: , , , , , | 1 Comment »