Le cittá sono la ricchezza delle nazioni

Un nuovo modo di vedere l’economia

Posts Tagged ‘multinazionali’

Standard internazionali

Posted by janejacobs su febbraio 23, 2009

Quando si formo’ l’Unione Europea, per eliminare barriere commerciali tra le nazioni che vi facevano parte e creare un unico mercato integrato, si cercarono di formare economie di scala attraverso la creazione di grandi multinazionali. In quel contesto, naturalmente, l’IVA aveva senso. Per questo motivo, una pagnotta Europea deve avere ingredienti standartizzati, una banana deve avere certe forme particolari ed il latte deve avere altre partiolari ingredienti.

 

Di regola, gli standard di produzione nazionali o internazionali, ad eccezione di pochi standard strettamente necessari per la sicurezza e per la salute, inevitabilmente danneggiano le citta’ e tarpano le ali al loro sviluppo. Come possono i produttori cittadini generare sviluppo per le loro citta’ ed eventualmente esportarlo se gli standard di produzione scoraggiano o addirittura vietano l’innovazione? E chi sa qali altri ramificazioni nei metodi di produzione, nei materiali o nelle finalita’ stesse sono danneggiati?

Continua…

Annunci

Posted in n. Il cambiamento | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli impianti industriali del Portorico

Posted by janejacobs su aprile 27, 2008

 

Perche’ nuovi impianti industriali non hanno arricchito il Portorico?

  Il Portorico ha cercato di attrarre impianti da regioni lontane da molto meno tempo della Georgia , ma ha avuto molto piu’ successo. Per quarantacinque anni, il Governo del Portorico ha attratto industrie che richiedessero molta manodopera per fornire lavoro agli abitanti dell’isola e salari alla propria economia. Oltre al basso costo della manodopera, il Portrico poteva offrire porti efficienti, sconti fiscali, corsi di formazione finanziati dal governo e prestiti a tassi agevolati che potessero aiutare le imprese che volessero impiantarsi in Portorico per sopperire ai costi di trasferimento. Il territorio dell’isola ora e’ punteggiato da stabilimenti e fabbriche di grandi multinazionali e di produttori di magliette , giocattoli, microprocessori e altri prodotti dell’industria cosidetta “leggera”.

Ma quando questi impianti lascianorono il Porto Rico in cerca di manodopera ancora meno cara, come hanno fatto all’inizio degli anni ’70, lasciano dietro di se’ il vuoto, cosi’ come lo avevano lasciato in Georgia.

Tale vuoto e’ stato cosi’ descritto dal direttore del direttore del programma antipoverta’ della citta’ Portoricana di Ponce: “Non rimane alcun sistema di relazioni simbiotiche simile a quelli che si sviluppano nelle citta’ e nelle aree metropolitane quando alcune delle loro industrie si impiantano, si trasferiscono in posti lontani come il Portorico”.  Continua…

Posted in g. Regioni impianto | Contrassegnato da tag: , , , , | 1 Comment »