Le cittá sono la ricchezza delle nazioni

Un nuovo modo di vedere l’economia

Archive for the ‘Economia’ Category

Spese del governo USA

Posted by janejacobs su febbraio 1, 2010

La tabella qui sotto riporta in breve la spesa prevista dal Governo USA per il 2010.

  Miliardi di $                 %
Sanita’    742            26%
Social security    695            24%
Altro    571           20%
Spese per intressi    164             6%
Difesa + armi nucleari    555           19%
Iraq e Afghanistan    130             4%
Sicurezza interna     43              1%

 

Annunci

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Dove sono i miliardari?

Posted by janejacobs su febbraio 1, 2010

Un po’ d’appertutto, soprattutto nei paesi poveri:

Regione Numero di persone con un patrimonio maggiore di un miliardo di dollari
Stati Uniti                   50
Regno Unito                   10
Europa del Sud                   25
America Latina                   10
Germania                   30
Scandinavia                   10
Russia ed Europa dell’Est                   15
Africa e Medio Oriente                  38
Asia                  20

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: | 1 Comment »

Prezzi case a Barcellona e Madrid

Posted by janejacobs su settembre 28, 2009

Cliccando al link qui sotto e’ possibile vedere l’andamento del prezzo delle case (per metro quadro) di Barcellona e Madrid.

Prezzi case Barcellona e Madrid

Si noti che Barcellona dal 2004 ha superato Madrid, ma la distanza si sta riavvicinando con la crisi.

Dal 2001 i prezzi delle case delle due maggiori citta’ spagnole sono raddoppiati nonostante il forte calo dovuto alla recente crisi.

Fonte: www.idealista.com

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Boston sara’ la nuova Silicon Valley

Posted by janejacobs su settembre 25, 2009

La nuova Silicon Valley sara’ a Boston. Il MIT di Boston ha sfornato per anni scienziati esperti in nanotecnologia.

Questi scienziati si stanno adoperando a mettere a frutto nuove scoperte e nuove ricerche.

Molte di queste ricerche potrebbero garantire in futuro un mondo meno inquinanto e piu’ sicuro.

Fra queste societa’ ci sono:

A123 che produce batterie agli ioni di litio

American Superconductor che produce super cavi per il trasporto dell’energia

1366 Technologies che produce celle al silicio a basso costo

Posted in Economia, tecnologia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lista rigassificatori Europei

Posted by janejacobs su settembre 23, 2009

Qui sotto riporto una lista degli impianti di rigassificazione in Europa:

Nome impianto Operatore Paese
Zeebrugge Fluxys Belgio
Krk Island E.ON Ruhrgas AG Croazia
Montoir GDF Suez Francia
Fos sur Mer GDF Suez Francia
Fos Cavaou GDF Suez Francia
Le Havre Antifer Poweo Francia
Bordeaux Le Verdon 4Gas Francia
Fos Faster Shell Royal Dutch Shell PLC Francia
Fos Tonkin GDF Suez Francia
Dunkerque EDF SA Francia
Bordeaux Le Verdon Societe Nationale d’Electricite et de Thermique SA Francia
Wilhelmshaven E.ON Ruhrgas AG Germania
Wilhelmshaven GasPort RWE Gas Midstream GmbH Germania
Revythoussa Hellenic Republic Grecia
Shannon Hess LNG Ltd Irlanda
Adriatic (RasGas) Qatar Petroleum Italia
Brindisi BG Group PLC Italia
Panigaglia Societe Nouvelle d’Affinage des Metaux Italia
Gioia Tauro Calabria LNG Med Gas Terminal Italia
Zaule/Trieste Friuli Gas Natural Italia SpA Italia
Taranto Puglia Gas Natural Italia SpA Italia
Rovigo offshore Qatar Petroleum Italia
Monfalcone Friuli Endesa Italia SpA Italia
Rosignano Toscana Edison SpA Italia
Priolo Augusta Siciliy ERG Power & Gas SpA Italia
Empedocle Sicily Enel SpA Italia
Le Marche GDF Suez Italia
Livorno offshore Qatar Petroleum Italia
Panigaglia GNL Italia SpA Italia
Eemshaven Essent NV Olanda
Rotterdam Gate Nederlandse Gasunie NV Olanda
Rotterdam LionGas 4Gas Olanda
Rotterdam offshore Abu Dhabi National Energy Co Olanda
Snohvit StatoilHydro ASA Norvegia
Swinoujscie Polskie Gornictwo Naftowe I Gazownictwo SA Polonia
Sines Galp Energia SGPS SA Portogallo
Barcelona Enagas Spagna
Huelva Enagas Spagna
Cartagena Enagas Spagna
Sagunto Union Fenosa SA Spagna
Bilbao BP PLC Spagna
El Ferrol Union Fenosa SA Spagna
El Musel Enagas Spagna
Gran Canaria Endesa SA Spagna
Tenerife Endesa SA Spagna
South Hook Qatar Petroleum UK
Dragon BG Group PLC UK
Isle of Grain National Grid Electricity Transmission PLC UK
Teesside ConocoPhillips Excelerate Energy UK
Teesside Excelerate Energy UK

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: , , | 4 Comments »

Catastrofe irreversibile

Posted by janejacobs su settembre 23, 2009

Il segreterio generale delle Nazioni Unite sostiene che il mancato successo delle negoziazioni di Copenhagen sarebbe ingiustificabile dal punto di vista morale, sarebbe limitante anche dal punto di vista economico e politicamente stupido.

Queste sono le linee guida  su cui stanno negoziando i Paesi dell’ONU:

* riduzione delle emissioni

* aiuto ai paesi poveri colpiti dai disastri ambientali

* incentivare tecnologie verdi

* finanziare i paesi poveri per dotarli di nuove tecnologie verdi

I due grandi imputati davanti al tribunale delle future generazioni sono USA e Cina, che assieme producono il 40% delle emissioni inquinanti e che sono piu’ preoccupati della loro crescita economica che del futuro del Pianeta.

L’Europa sta dando uno splendido esempio di leadership, ad esempio, con questo progetto che incarna le linee quida dell’ONU.

Il discorso di Obama alle nazioni Unite e’ stato bello, ma Obama non ha potere di portare avanti un negoziato, con un Senato USA pagato e agitato dalle lobby del Petrolio e del Carbone, dove Senatori come Inhofe negano  il riscaldamento del pianeta.

Posted in ambiente, Economia | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

Le citta’ salveranno il clima

Posted by janejacobs su settembre 21, 2009

Sono le citta’ e non le nazioni ad avere il potere di mettere in moto politiche per la riduzione dei gas serra. A Dicembre ci sara’ un summit per discutere di politiche per ridurre i gas serra a Copenhagen. I ministri dei paesi di tutto il mondo negozieranno nuove norme per ridurre i gas serra e per ridurre la dipendenza dai combustibili fossili.

Le negoziazioni si terranno a livello nazionale, ma l’applicazione delle decisioni prese sara’ messa in pratica a livello locale. Le autorita’ cittadine della maggior parte delle nazioni hanno il potere chiave in materia di generazione di energia, trasporto e controllo dei regolamenti sull’inquinamento delle fabbriche. Secondo il Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite le scelte compiute dai governi delle citta’ in materia di riduzione dei gas serra hanno un peso che va tra il 50% ed l’80% del totale. Pertanto ogni accordo che venisse preso a Copenhagen dai capi delle nazioni sarebbe inutile se non venissero coinvolte le citta’. Ed e’ quindi necessario che le autorita’ cittadine inseriscano vincoli alla produzione di gas serra quando si trovano a pianificare le politiche di mobilita’, energia e edilizia. I governi delle citta’ hanno un interesse ulteriore al successo di questi progetti. Poiche’ il riscaldamento del pianeta portera’ siccita’, alluvioni e danni alle infrastrutture, stara’ a loro riscattere queste operazioni mettendo in sicurezza le reti di trasporto, le abitazioni ed i servizi basilari contro questi rischi.

A Londra ad esempio, il sindaco sta esaminando la proposta di rialzare le barriere del Tamigi nel caso in cui il livello del fiume salga piu’ del previsto. Gli argini esistenti, costruiti negli anni ’60, sono stati utilizzati piu’ del previsto a causa di acque piu’ alte del previsto

Secondo the Climate Group  un’organizzazione che si perfigge di persuadere le grandi multinazionali a ridurre i gas serra le autorita’ locali sono gia’ consapevoli dei cambiamenti che devono operare. I sindaci delle citta’ di tutto il mondo hanno mostrato che e’ possibile muoversi velocemente per sviluppare strategie ambiziose per combattere il cambiamento climatico e politiche che non solo proteggeranno l’ambiente, ma che proteggeranno posti di lavoro.

Secondo un recente studio di Greenpeace si possono creare sette posti di lavoro nell’energia rinnovabile per ogni lavoro perso nelle industrie energetiche a combustibili fossili.

Posted in ambiente, citta', Economia | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Prezzi delle case

Posted by janejacobs su settembre 16, 2009

Fate click sulla parola “prezzi case UK” qui sotto per vedere l’andamento dei prezzi delle case nel Regno Unito dal 1989 ad 0ggi:

Prezzi case UK

Una finanziaria Inglese ha compilato un indice che riassume il prezzo di tutte le case nel Regno Unito.

Come si vede, il prezzo delle case e’ aumentato del 30% dal 1989 al 1999 ed e’ addirittura raddoppiato dal 1999 ad oggi.

E questo tenendo conto della gravissima crisi del 2008 che ha riportato i prezzi delle case inglesi indietro di cinque anni.

Quanta ricchezza genera il settore immobiliare? Tanta, senza dubbio, ma forse negli ultimi anni ne ha generata troppa perche’ drogato dalla finanza allegra.

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riduzione dei Gas Serra

Posted by janejacobs su settembre 10, 2009

Secondo il Premio Nobel Michael Spence il prossimo vertice sul clima che si terra’ a Dicembre a Copenhagen e’ destinato al fallimento perche’ i Paesi Ricchi cercheranno di forzare i Paesi Poveri a impegnarsi a ridurre i gas serra nei prossimi 40 anni.

I Paesi Poveri, che hanno una responsabilita’ di gran lunga inferiore nella produzione di gas serra non vogliono ridurre la loro crescita economica e quindi non firmeranno simili impegni.

Il fallimento di questa conferenza portera’ a conseguenze terribili per il clima e per l’economia.

 La tabella qui sotto riporta gli impegni di riduzione di gas serra:

 

 

 

Regione % popolazione mondiale % di produzione di gas serra mondiale Obiettivi di riduzione dei gas serra
USA 5% 18% Emissioni nel 2050 inferiori dell’83% rispetto alle emissioni del 2005. Emissioni nel 2030 inferiori del 42% rispetto a quelle del 2005, emissioni nel 2020 inferiori del 20% rispetto a quelle del 2005.
Giappone 2% 4% Emissioni  nel 2050 inferiori del 60-80% rispetto al 2008. Emissioni nel 2020 inferiori al 15% rispetto al 2005. Emissioni nel 2010  inferiori del 7.9% rispetto al 2005.
Europa 7% 13% Emissioni nel 2020 inferiori del 20% rispetto a quelle del 1990. 
Cina 20% 20% Intensita’ ddell’energia (rapporto tra energia e unita’ di PIL prodotto) inferiore del 20% nel 2010 rispetto al 2006. 
Mondo 100% 100% Emissioni fra il 2008 ed il 2010 inferiori almeno del 5% rispetto al 1990.

Posted in ambiente, Economia | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le nazioni piu’ competitive

Posted by janejacobs su settembre 8, 2009

Secondo il rappoto annuale del World Economic Forum, queste sono le dieci nazioni piu’ competitive.

Svizzera
Stati Uniti
Singapore
Svezia
Danimarca
Finlandia
Germania
Giappone
Canada
Olanda

 La Cina e’ trentesima.

L’Italia sale al quarantottesimo posto dal quarantanovesimo dello scorso anno.

Una posizione sotto la Repubblica Slovacca e una posizione sopra l’India.

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Disoccupazione in Italia

Posted by janejacobs su settembre 5, 2009

C’e’ un sondaggio dell’Eurostat, l’istituto di Statistica Europeo, che confronta i tassi di disoccupazione nei Paesi dell’Unione Europea.

I dati per quasi tutti i Paesi si riferiscono al mese di Luglio.

In materia di disoccupati, la Spagna ha il triste primato con un tasso di disoccupazione del 18.5%, piu’ di tutti i Paesi dell’Est piu’ poveri che si sono uniti all’Unione Europea.

La Francia e’ al 9.8% (vicino alla media).

La Germania fa meglio al 7.7% (ma la disoccupazione potrebbe pesantemente salire dopo le elezioni Tedesche di Settembre).

L’Italia fa meglio  anche della Germania con il 7.4% di lavoratori in cerca di lavoro. Niente male!  Peccato che il dato Italiano si riferisce al Marzo 2009.

Cosa impedisce all’Italia di fornire dati piu’ aggiornati?

Il link allo studio e’ qui.

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

Michael Moore. Capitalism, a love story

Posted by janejacobs su settembre 2, 2009

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: , , | 28 Comments »

Secessione e boicottaggio

Posted by janejacobs su agosto 19, 2009

Adriana Poli Bortone , fondatrice del movimento politico Io Sud , dichiara che se l’attuale governo continuera’ a favorire le politiche secessioniste della Lega, allora invitera’ i cittadini Meridionali a boicottare i prodotti agricoli del Nord.

Questa proposta e’ tardiva e modesta.

Tardiva perche’ i politici avrebbero gia’ dovuto invitare da secoli i cittadini del Sud a consumare prodotti agricoli locali.

Modesta perche’ si limita solo ai prodotti agricoli e non ai prodotti industriali e o ai servizi.

Indipendentemente dalle politiche del governo, tutti i cittadini del Sud, del Centro e del Nord dovrebbero sostenere le proprie economie locali.

E’ un’ottima cosa che sulle tavole Napoletane non ci sia il Parmigiano Reggiano, ma non dovrebbe nemmeno esserci formaggio Francese o Svizzero, ma quasi esclusivamente formaggio Napoletano.

Sulle tavole Napoletane dovrebbero esserci prodotti Napoletani. Nelle case Napoletane doverebbero esserci mobili prodotti a Napoli, I Napoletani dovrebbero indossare vestiti fatti a Napoli, guidare auto fatte a Napoli, telefonare con telefoni cellulari fatti a Napoli, guardare TV made in Napoli e collegarsi a Internet usando chip fatti a Napoli.

 Le citta’ creano ricchezza se rimpiazzano le importazioni ed i cittadini hanno il dovere morale di aiutare le economie locali, sia perche’ qusto crea ricchezza nelle propria comunita’ sia per il rispetto che si deve all’ambiente.

 Ma per fare questo e’ necessario che nascano nuove imprese industriali e imprese di servizi anche al Sud.

 Jane Jacobs si e’ occupata del problema del Sud degli Stati Uniti, una regione simile per molto versi al Sud Italia e ha raccontato questo problema attraverso la storia di Grady, un giornalista del Sud degli Stati Uniti che andava a chiedere aiuti economici per il Sud agli industriali e ai banchieri di Boston e New York. Per saperne di piu’.

Jane Jacobs ci ricorda anche che l’indipendenza degli Stati Uniti dalla Gran Bretagna era nata innanzitutto per motivi economici e commerciali.

Posted in Economia, secessione | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

Sindacati Finlandesi

Posted by janejacobs su agosto 18, 2009

Sono incappato per caso sul sito di STTK  del sindacato finlandese dei professionisti, uno dei tre grandi sindacati della Finlandia assieme a SAK (sindacato degli operai) e di AKAVA (sindacato dell’istruzione).

Questo sindacato confederato rappresenta circa 650,000 professionisti che lavorano nel pubblico e nel privato. Il 70% degli affiliati sono donne.

I tipici membri di questo sindacato sono infermieri, ingegneri, poliziotti, segretari e commessi.

L’eta’ media e’ di 46 anni e lo stipendio medio e’di 2,400 euro al mese.

Gli obiettivi di questo sindacato sono: salari equi e decorosi, soddisfazione sul lavoro ed un giusto bilancio tra lavoro e tempo libero.

L’impressione che ho avuto visitando questo sito e’  quello di un’organizzazione semplice, efficiente ed con obiettivi chiari, precisi e misurabili.

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ricchezza nel Mezzogiorno d’Italia oggi e nel 2030

Posted by janejacobs su agosto 15, 2009

Il grafico qui sotto riporta la ricchezza pro capite nel Mezzogiorno d’Italia oggi e le previsioni per il 2030.mezogiorno

I dati della ricchezza pro-capite e della crescita sono forniti dallo Svimez per ogni regione. Il Prodotto Interno Lordo pro-capite e’ una misura usata dagli economisti tradizionali per misurare la ricchezza. I dati si riferiscono al PIL del 2008 e sono espressi in euro.

Alle statistiche del 2008 ho poi aggiunto i tassi di crescita del PIL fornite dallo Svimez e ho poi ipotizzato che il PIL di ciascuna delle regioni continui a crescere (o meglio, decrescere) agli stessi ritmi del 2008.

Se ne ricava un quadro negativo per tutto il Mezzogiorno e un quadro addirittura tragico per la Campania. Quest’utima gia’ oggi e’ la regione piu’ povera d’Italia e se le tendenze di impoverimento presenti oggi continueranno fino al 2030, essa perdera’ la meta’ della propria ricchezza.

Se oggi la Campania, in termini di ricchezza pro capite, e’ paragonabile al Portogallo nel 2030 sara’ paragonabile all’Iran. Se oggi un abitante della Campania campa in media con millequattrocento euro al mese, nel 2030 dovra’ accontentarsi di sette euro al mese (senza contare l’inflazione).

Intanto, in una recente intervista, il Presidente del Consiglio  cita il Piano Marshall e la Tennessee Valley Authority come fonti di ispirazione del suo nuovo progetto per il Sud . Purtroppo questi progetti paiono ispirati da uno spirito centralista e autoritario che e’ l’opposto dal pensiero di Jane Jacobs al quale ci ispiriamo.

Posted in Economia, secessione | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Italia: turismo nel 2009 compromesso

Posted by janejacobs su agosto 15, 2009

Per l’associazione degli albergatori Italiani il 2009 e’ un anno compromesso.

In termini occupazionali questa crisi si dovrebbe tradurre nella perdita di circa 50,000 posti di lavoro, di cui 10,000 nella sola citta’ di Roma.

Puo’ consolare che Spagna e Francia sono messe male quanto l’Italia?

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ripresa

Posted by janejacobs su agosto 14, 2009

Il 17 Settembre 2008 questo blog aveva previsto  (seguendo le indicazioni del Professor Roubini) che l’economia sarebbe crollata in una profonda crisi finanziaria ed economica che sarebbe finita nel 2010.

 Al 2010 ci siamo quasi arrivati e gia’ ora ci sono parecchi segnali che questa crisi finanziaria ed economica sta per finire, anche se ci sono sempre piu’ persone disoccupate, povere e senza lavoro. Queste persone sono spesso le persone piu’ deboli, anziane e con meno educazione.

 Ma la ripresa sta arrivando e ci sono alcuni modi per cavalcarla, soprattutto se si puntera’ su uno o piu’ dei fattori indicati qui sotto. Ad ognuno di questi fattori e’ collegato un link a post precedenti di questo blog che hanno trattato l’argomento.

 Paesi emergenti

 Aumento del numero dei lavoratori per eta’ e sesso 

 Nuove tecnologie

 Nuovi materiali

 Nuove energie

 Nuove medicine

 Genetica

 Robotica

 Nanotecnologie

Posted in ambiente, Economia, tecnologia | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

La banca dei parmigiani

Posted by janejacobs su agosto 12, 2009

Per combattere la crisi ed aiutare i produttori agricoli del proprio territorio, una banca Emiliana ha iniziato a concedere prestiti chiedento in pegno, invece di contanti, titoli o immobili, i parmigiani.

Posted in duecento anni di teorie economiche da buttare, Economia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Russia e cambiamento climatico

Posted by janejacobs su luglio 29, 2009

La Russia sara’ la Nazione in grado di trarre i maggiori benefici dal riscaldamento del pianeta e dallo scioglimento dei ghiacci del Polo Nord.

 La Russia ha molte reserve di gas e petrolio in Siberia e nel circolo polare artico. Un clima piu’ mite renderebbe tali risorse piu’ facili ed economiche da sfruttare.

 Questo potrebbe essere un gran beneficio per la Russia visto che oggi l’80% delle sue esportazioni e il 32% delle entrate governative dipendono dall’energia e da materie prime.

 Inoltre, lo scioglimento del circolo polare artico fornirebbe alla Russia grossi vantaggi dal punti di vista dei trasporti. Tuttavia, alcune infrastrutture della Russia potrebbero essere dannegiate dallo scioglimento della tundra artica e sarebbero necessarie nuove tecnologie estrattive.

 Fonte: National Intelligence Council

Posted in ambiente, Economia | Contrassegnato da tag: , | 5 Comments »

Economisti in crisi

Posted by janejacobs su luglio 22, 2009

Il Professor De Grauwe  spiega bene in questo breve articolo la crisi d’identita’ degli economisti dopo questa crisi finanziaria, una crisi che ha scosso le fondamenta del sistema capitalistico e che portera’ ad un lungo periodo di transizione.

Jane Jacobs, la filosofa americana che ha ispirato questo blog, ha gia’ fornito convincenti risposte alle domande del Professor De Grawe osservando la natura  ed interpretando la storia ed il bisogno naturale di socialita’ degli Uomini.

Queste risposte sono spiegate in questo libro scritto piu’ di trent’anni fa che ho provato a tradurre qui in Italiano.

Posted in Economia | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »